Appalti Ospedale di Terni. Un nuovo caso?

19-05-2017 – Sta probabilmente per sollevarsi l’ennesimo caso relativo ad irregolarità negli appalti della pubblica amministrazione in seguito alla lettera che due consiglierei comunali del Movimento 5 Stelle – Andrea Liberati e Maria Grazia Carbonari – hanno inviato al direttore generale dell’azienda ospedaliera Santa Maria di Terni per fare chiarezza sull’affidamento di servizi e appalti all’interno della struttura.
Nello specifico, si chiedono le attestazioni relative al periodo di tempo 2010-2016 in riferimento al pagamento dei canoni di affitto e delle utenze da parte dei titolari di attività affidate dall’Azienda ospedaliera a ditte esterne, come banca, edicola e  bar; la ricezione del pagamento annuale dei canoni per la concessione degli spazi alla ditta che gestisce il servizio di distribuzione automatica, così come previsto dal bando.
Entrando poi nel merito delle procedure di concessione, nella lettera i consiglieri chiedono di fornire specifiche relative a bandi o procedure attraverso le quali servizi/lavori sono stati affidati e per quali importi. Si chiede, inoltre, di indicare i casi per i quali le gare sono scadute o sono state prorogate o rinnovate e in che modo ciò sia  avvenuto.
Ci auguriamo che l’amministrazione ospedaliera fornisca documentazione e risposte adeguate, evitando così che si apra un ennesimo caso di scorretta gestione dei pubblici appalti.

appalti

appalti

 

Precedente Pellegrini SpA aderisce a Fondazione Sodalitas
Il prossimo In Lombardia eliminate le comunicazioni semestrali

Autore

Potrebbe piacerti anche

Cronaca Italia 0 Commenti

Festa della Befana amara per gli operatori USSL senza l’incasso dei d.a.

08-01-2016 – Cancellata la festa della Befana organizzata dai soci del Circolo Ricreativo degli Operatori Socio-Sanitari di Vittorio Veneto (TV), i quali hanno dovuto rinunciarvi per motivi economici, oltre che

Cronaca Italia 0 Commenti

Mastria Vending: allarme furti in Calabria

04-09-2014 – Renato Mastria, titolare della Mastria Vending, una delle più affermate compagnie di gestione della Calabria, ha pubblicamente denunciato la difficile situazione in cui versa il settore, vessato da

Cronaca Italia 0 Commenti

40 tonnellate di Acqua Lete rischiano di cadere in mare

14-05-2014 – È accaduto nel porto di Catania, dove un autoarticolato carico di acqua Lete ha rischiato di finire in mare a causa di una manovra errata dell’autista. Nel fare

0 Commenti

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a Commentare questo post!

Lascia un Commento

Registrati solo gli utenti possono commentare.