CONFIDA. Aggiornamenti sulla Certificazione dei Corrispettivi

CONFIDA. Aggiornamenti sulla Certificazione dei Corrispettivi

13-04-2016– Siamo alla stretta finale per ciò che riguarda l’ufficializzazione delle procedure attraverso le quali le società di gestione dovranno conservare e trasmettere i corrispettivi all’Agenzia delle Entrate.
L’intenso lavoro compiuto da CONFIDA attraverso la delegazione appositamente costituita ha ottenuto i risultati sperati ed evitato che sul settore si abbattesse un vero e proprio “tornado fiscale”.

Di seguito il comunicato che informa circa le ultime novità relative all’argomento:

Confida incontrerà il prossimo 18 aprile l’Agenzia delle Entrate per l’esame della prima parte del documento tecnico relativa alla fase iniziale che sarà operativa dal 1 gennaio 2017.
Come già precedentemente comunicato, grazie al lavoro della nostra delegazione al tavolo di confronto con l’agenzia delle entrate la soluzione per la fase iniziale (che tiene conto degli apparecchi in uso e della normale obsolescenza degli stessi) si baserebbe su:
a)   l’invio dei dati all’Agenzia dalla periferica in dotazione agli addetti al rifornimento dei distributori, mediante apposizione di sigillo elettronico rilasciato dall’Agenzia;
b)   la conservazione elettronica (ai sensi del DM 17.06.14) dei dati dei corrispettivi e degli ulteriori dati contabili e amministrativi ad essi riferiti: la stessa con cui attualmente gli operatori del settore estraggono i dati dai sistemi di pagamento dei distributori ai loro fini di controllo.
 Nel rispetto degli scopi della normativa, è stato concordato, preliminarmente, che tutte le aziende di gestione di distributori automatici censiscano i loro distributori e comunichino all’Agenzia, per ciascuno: ubicazione, tipi di sistemi di pagamento che lo equipaggiano, matricola del punto vendita, matricola del sistema “master”, protocollo adottato.
Per attestare questa operazione verrà applicato su ogni distributore un adesivo con QR Code attraverso il quale il pubblico potrà verificare via internet se il distributore è censito fiscalmente.
L’argomento è oggetto di informative e primi approfondimenti nel corso delle riunioni delle Delegazioni Territoriali già avvenute e in corso di programmazione. Il materiale presentato nelle riunioni è disponibile sull’home page di www.confida.com dopo aver effettuato il login.

Nel n° 22 della nostra rivista Vending News, in distribuzione la prossima settimana, vi sono interessanti interviste con rappresentanti della Commissione CONFIDA delegata al confronto con le istituzioni, i quali approfondiscono l’argomento, confermando in dettaglio quanto su esposto.

confida corrispettivi

confida corrispettivi

Precedente Hit Pocket Brownie&Caramel è la novità Bahlsen
Il prossimo Da settembre i d.a. di profilattici nelle scuole romane

Autore

Potrebbe piacerti anche

Istituzionali 0 Commenti

Aumentano le sanzioni per le aziende

11-07-2013 – Sul sito di Confida è pubblicata la Circolare 17/2013 che si riferisce all’aumento delle ammende e delle sanzioni amministrative pecuniarie per le violazioni in materia di salute e

Istituzionali 0 Commenti

Proroga Corrispettivi. Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale

25-10-2016 – CONFIDA informa che è stato pubblicato questa mattina sulla Gazzetta Ufficiale il DECRETO-LEGGE 22 ottobre 2016, n. 193 “Disposizioni urgenti in materia fiscale e per il finanziamento di esigenze

Istituzionali 0 Commenti

La certificazione di qualità per il caffè vending

12-05-2014 – Dopo il certificato TQS – Top Quality Standard –  che certifica che l’azienda titolare del distributore automatico ha posto la propria attenzione sul rispetto di una serie di parametri

0 Commenti

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a Commentare questo post!

Lascia un Commento

Registrati solo gli utenti possono commentare.