Perugina. Si incrinano i rapporti tra Nestlé e sindacati

18-05-2017 – Benché i risultati del primo anno di investimenti sul sito produttivo Perugina siano incoraggianti, sembra prepararsi un nuovo braccio di ferro tra la proprietà Nestlé e i sindacati. A rompere gli equilibri ha contribuito l’incontro tenutosi il 9 maggio nella sede Confidustria di Perugia, un’occasione per fare il punto dei risultati del piano degli investimenti dopo un anno dall’accordo siglato ad aprile 2016.
Dopo aver illustrato i numeri relativi alle vendite del Bacio – prodotto su cui l’azienda ha fortemente puntato – che all’estero sono cresciute del 44% ed aver confermato l’intenzione di continuare a puntare sulla confiserie, i manager della Nestlé  hanno riferito di un progetto di riassetto organizzativo degli organici che preoccupa non poco i sindacati.
Da parte loro Cgil, Cisl e Uil ritengono che nulla vada toccato prima dei due anni di investimenti pattuiti, periodo in cui la multinazionale dovrebbe continuare ad investire diversificando le referenze e creando, così, i presupposti per una maggiore produttività del sito. Ritengono, perciò, inaccettabile l’idea di prevedere sin da ora una riduzione degli organici, soprattutto perché gli esuberi stimati sarebbero circa 200, un numero davvero alto per un’area così ristretta e caratterizzata da una forte carenza di sbocchi occupazionali.
La mossa della reggenza Nestlé appare come un tradimento degli accordi di aprile 2016, di fronte al quale i sindacati si preparano a reagire con fermezza: è stata richiesta l’immediata riapertura di un tavolo di discussione presso il Ministero dello Sviluppo Economico ed è stata convocata l’assemblea in fabbrica che si terrà entro la fine della settimana.
Insomma, l’idea che 60 milioni di investimenti possano essere irrilevanti rispetto ai livelli occupazionali non va giù ai sindacati che si sono dichiarati pronti a riprendere le trattative con la stessa forza e fermezza degli anni antecedenti all’accordo, con l’obiettivo di salvaguardare i posti di lavoro o perlomeno di arrivare alla naturale conclusione dei due anni di investimenti.

Perugina

Perugina

 

Precedente Mokase: chi produrrà la cover che fa il caffè?
Il prossimo A Milano apre la Chocolate Academy di Barry Callebaut

Autore

Potrebbe piacerti anche

Attualità Italia 0 Commenti

Provincia di Frosinone. Nuove regole per i d.a. nelle scuole

22-05-2017 – La Commissione “Provincia e Regolamenti” della Provincia di Frosinone si è riunita per discutere in merito alla delibera di nuove disposizioni per ciò che concerne le procedure da attuare

Attualità Italia 0 Commenti

Liomatic presenta il piano dei licenziamenti

24-10-2014 – Preoccupa il piano dei licenziamenti presentato da Liomatic S.p.A. dopo l’annuncio degli esuberi nelle sedi umbre. Il piano prevede  per la sede di Macerata il licenziamento di 16 dipendenti su 95, mentre per la

Attualità Italia 0 Commenti

La Cassazione condanna il torrefattore per “odore nauseabondo”

26-03-2015 – Di un episodio analogo avevamo parlato proprio un anno fa e chissà che non si tratti proprio della Diemme Caffè di Albignasego, in provincia di Padova, data la

0 Commenti

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a Commentare questo post!

Lascia un Commento

Registrati solo gli utenti possono commentare.