Rapine ai caricatori vending: l’esperienza di un nostro lettore

10-07-2013 – Ci scrive un nostro follower, caricatore presso una compagnia di gestione siciliana, per raccontarci una sua disavventura, che ha avuto un lieto fine grazie alla sua intraprendenza e al coraggio mostrato.
Ecco il racconto della disavventura di Danilo:
” Ho letto la notizia riguardo la rapina ad un furgone di merendine e mi è tornata in mente la mia vicenda di qualche giorno fa, che ovviamente non essendo voi a conoscenza non è stata pubblicata.
Svolgo lo stesso lavoro con i distributori automatici e qualche giorno fa, trovandomi nelle ore mattutine in quartiere Picanello di Catania, mentre stavo prendendo merce dal mio furgone, sono stato avvicinato da un individuo di circa 40 anni. Inizialmente cercava di attaccare discorso, io capendo un pò la situazione di presagio, mi sono allontanato da lui per raggiungere il posto di guida ed andare via.
A quel punto lui, con aria e tono minaccioso, non ha esitato a salire a bordo insieme a me sull’automezzo e ad estrarre una pistola puntandomela addosso e dicendomi: “Metti in moto e cammina (ca ta abbessu pe festi)”.
Capendo che si trattava di tentativo di sequestro di persona e rapina, feci come disse, misi in moto e mi avviai per un paio di metri.  A quel punto ho frenato in modo imminente e approfittando della sua distrazione l’ho colpito in viso con le chiavi dell’automezzo stesso.
Il tipo cercò nella confusione di puntarmi la pistola con rabbia, ma non è stato abile quanto me che ero già uscito dall’automezzo e con il cellulare in mano stavo già chiamando il 113. L’unica cosa che ha potuto fare è darsela a gambe levate scappando a piedi per le vie di Catania.
Giunti sul posto subito, i condor della sezione di catania sono partiti alla ricerca dell’uomo che purtroppo riuscì a dileguarsi facendo perdere le proprie tracce.
Sono in corso le ricerche del sospettato anche grazie alle registrazioni delle telecamere di zona“.
Abbiamo voluto riportare il racconto di Danilo per sottolineare i rischi che si corrono svolgendo questo mestiere che già di per sé richiede sacrifici e tanta buona volontà. Sono purtroppo episodi che si verificano con frequenza e solo pochi entrano nelle cronache ufficiali.
Complimenti alla prontezza di Danilo che ha saputo difendere se stesso e la propria azienda.
vending-refill-closeup

Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

Condividi su: