In Italia nel 2018 il mercato dell’Internet of Things tocca i 5 miliardi

02-05-2019 – Secondo i risultati della ricerca dell’Osservatorio Internet of Things della School of Management del Politecnico di Milano, presentata il 17 aprile a Milano al convegno “Buon compleanno Internet (of Things)”, il mercato italiano dell’Internet of Things continua a crescere a ritmi sostenuti anche nel 2018, raggiungendo il valore di 5,0 miliardi di euro (+35% rispetto al 2017).
A spingere la crescita  le applicazioni che sfruttano la “tradizionale” connettività cellulare (2,8 miliardi di euro, +27%) e quelle che utilizzano altre tecnologie di comunicazione (2,2 miliardi, +47%). La crescita del mercato italiano è in linea con quella degli altri paesi occidentali, dove oscilla fra il +25% e il +40%, ed è trainata soprattutto dai servizi abilitati dagli oggetti connessi, che coprono ormai il 36% del mercato, pari a 1,8 miliardi di euro e in aumento del 44% rispetto all’anno precedente.
I segmenti che registrano la crescita più significativa sono la Smart Home (+52%), e l’Industrial IoT (+40%), grazie anche agli incentivi previsti dal Piano Nazionale Industria 4.0. Crescono del 25% le applicazioni di Smart Asset Management in contesti diversi dalle utility, principalmente per il monitoraggio di gambling machine utilizzate per il gioco d’azzardo, di ascensori e distributori automatici.

INDUSTRIA 
Il 95% delle imprese ha sentito parlare almeno una volta di soluzioni IoT per l’Industria 4.0, ma il reale livello di conoscenza è ancora limitato e insufficiente fra le PMI (5 su 10). È quanto emerge dal sondaggio condotto dall’Osservatorio Internet of Things su 129 aziende italiane. Anche il livello di diffusione dei progetti cambia a seconda della dimensione aziendale: il 58% del campione ha avviato almeno un progetto di Industrial IoT nel triennio 2016-2018, ma la percentuale sale al 73% fra le medie e grandi aziende e scende al 29% fra le piccole.
Le applicazioni più diffuse sono legate principalmente alla gestione della fabbrica (Smart Factory, 62% dei casi) per il controllo in tempo reale della produzione e la manutenzione preventiva o predittiva, seguite da quelle a supporto della logistica (Smart Logistics, 27%), focalizzate sulla tracciabilità dei beni internamente al magazzino e lungo la filiera, e dallo Smart Lifecycle (11%), per l’ottimizzazione del processo di sviluppo di nuovi modelli e aggiornamento prodotti. Più della metà dei progetti (58%) si trova ancora in fase pilota o di analisi preliminare.

I principali fattori che spingono le aziende ad avviare progetti di Industrial IoT sono la possibilità di ottenere benefici di efficienza (75%) e di efficacia (58%), ma sono ancora tante le aziende che indicano come barriere all’adozione la mancanza di competenze (59%) e la capacità di comprendere a priori il valore delle soluzioni offerte (51%). Al terzo posto tra i fattori che spingono le aziende all’avvio dei progetti, gli incentivi del Piano Nazionale Industria 4.0 (45% dei rispondenti), che ha svolto negli ultimi due anni un’importante funzione di acceleratore per gli investimenti in digitalizzazione delle imprese.

TECNOLOGIA E INTELLIGENZA ARTIFICIALE
Sono sempre più numerose le soluzioni IoT che integrano piattaforme avanzate di analisi di dati e algoritmi di Intelligenza Artificiale (AI) molto evoluti. L’Intelligenza Artificiale può giocare un ruolo fondamentale nel mercato IoT, aprendo nuove opportunità di valorizzazione dei dati raccolti con l’obiettivo di anticipare i bisogni di aziende e consumatori. In primo luogo, l’AI può agire all’interno degli oggetti connessi, migliorandone le funzionalità e aumentandone l’autonomia decisionale grazie alla maggiore potenza di calcolo. I sistemi di AI consentono inoltre di semplificare l’interazione tra l’utente e gli oggetti intelligenti attraverso l’uso della voce, con la possibilità di introdurre gli assistenti vocali in molte applicazioni, dalla casa all’auto.

Secondo le previsioni dell’Osservatorio, la crescita del mercato italiano IoT continuerà anche nel 2019, concentrata prevalentemente nei segmenti Smart Metering, Smart Car, Smart Home e Industrial IoT.
L’Industrial IoT, infine, beneficerà degli incentivi per formazione, super ammortamento e iper ammortamento previsti nell’ultima legge di Bilancio, con un’attenzione spostata però dalle grandi imprese alle PMI, che finora ne hanno sfruttato meno i vantaggi fiscali.
Tutti i dettagli su www.osservatori.net

Internet

Precedente SUZOHAPP in prima linea alla fiera EU’Vend
Il prossimo Bando di gara ITCS "Rosa Luxemburg" di Bologna

Autore

Potrebbe piacerti anche

Italia 0 Commenti

Latte fresco o vegano nei distributori automatici?

09-06-2016 – Mentre c’è chi organizza il Milk Day, un evento dedicato al successo dei distributori automatici di latte crudo, c’è invece chi avvia una petizione per promuovere l’inserimento di confezioni di  latte vegetalenel vending. Graziano Tardelli è stato il primo allevatore dellaGarfagnana che dieci anni fa ha voluto

Italia 0 Commenti

Ferrero “Sportivo dell’Anno”

27-01-2014 – Per la prima volta va a un’Azienda il premio “Sportivo dell’Anno”  assegnato dal Comitato del CONI della Regione Piemonte nell’ambito della manifestazione organizzata per l’inaugurazione dell’Anno Sportivo Piemontese

Italia 0 Commenti

Il vending italiano si adegua alla multinazionalità

17-12-2013 – La forte presenza di lavoratori extracomunitari non può essere ignorata, soprattutto in zone maggiormente industrializzate come il Nord-Est, dove nella sola area trevigiana il 12% della forza lavoro

0 Commenti

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a Commentare questo post!

Lascia un Commento

Registrati solo gli utenti possono commentare.