Le ordinanze dei sindaci di Milano e Torino limitano l’uso dei distributori. Ma non sono i soli

Sia il sindaco di Milano che il sindaco di Torino hanno emesso ordinanze che limitano l’uso dei distributori automatici, con il particolare divieto di vendere bevande alcoliche, per evitare assembramenti e situazioni di caos fino a tarda notte, come si è verificato nel primo weekend dopo le aperture del 18 maggio.
I due sindaci non sono gli unici ad aver disposto in questo senso, poiché in molte altre città della Penisola, anche con minore densità abitativa, sindaci e prefetti si sono attivati per emanare divieti simili, affinché la movida del weekend non diventi un possibile momento di diffusione del contagio.
Non solo orari limitati per la vendita nei locali, ma anche divieto di asporto delle bevande e chiusura ad orario stabilito dei punti vendita automatici h24.
Nelle città di Milano e Torino, che contano ancora un alto numero di contagiati e di nuovi contagi, le regole imposte dai sindaci sono molto rigide.

Comune di Milano
Il sindaco Roberto Sala (Ordinanza del 26 maggio 2020) che in tutta la città di Milano dal 26 maggio 2020 al 15 giugno 2020 siano osservati i seguenti divieti:
• divieto di vendere per asporto bevande alcoliche di qualsiasi gradazione dalle ore 19.00 alle ore 07.00 da parte di tutte le tipologie di esercizi pubblici, esercizi di vicinato, attività artigianali di asporto e distributori automatici, fatta eccezione per le medie e grandi strutture di vendita e i centri commerciali, rimanendo, invece, consentita, nel rispetto delle misure di sicurezza attualmente vigenti, la consumazione di bevande alcoliche di qualsiasi gradazione: solo all’interno dei pubblici esercizi in sede fissa e all’esterno degli stessi, nelle aree in concessione, esclusivamente con servizio al tavolo.
• divieto di consumare dalle ore 19.00 alle ore 07.00 bevande alcoliche di qualsiasi
gradazione su area pubblica o privata ad uso pubblico compresi parchi, giardini e ville aperte al pubblico.

Comune di Torino
Come già nello scorso fine settimana, anche per questo – da giovedì 28 a sabato 30 – il sindaco Chiara Appendino ha ordinato che in alcune aree della città (Ordinanza del 22 maggio 2020), gli apparecchi automatici ubicati in apposito locale adibito in modo esclusivo alla vendita devono essere configurati in modo che sia inibita la vendita e la somministrazione di bevande alcoliche di qualsiasi gradazione dalle ore 19,00 alle ore 24,00, fermo restando il divieto di vendita dalle ore 24,00 alle ore 6,00 disposto dal comma 2 bis dell’articolo 6 del Decreto Legge 117/2007 convertito nella Legge 160/2007.

 

Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

Condividi su:
Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.