Un workshop sulla plastica del Gruppo Imprese di Gestione di CONFIDA

01-04-2019 -Oltre 80 gestori hanno preso parte al workshop organizzato dal Gruppo Imprese di Gestione di  CONFIDA sul tema “Plastic Free”, tenutosi a Milano il 27 marzo, in concomitanza con l’approvazione della Direttiva sulla plastica da parte del Parlamento europeo.
Diventata – come era atteso – legge, la nuova normativa sull’utilizzo della plastica monouso e il divieto di immissione sul mercato a partire dal 2021 di alcuni prodotti, primi fra tutti le palettine monouso, impatterà non poco il settore della Distribuzione Automatica.
Inoltre, il caos creato dall’onda mediatica che ha portato molte amministrazioni ed enti ad emanare norme, progetti e regolamenti tesi a bandire l’uso di bicchieri e bottiglie ancor prima che la direttiva diventasse legge (ricordiamo nuovamente che andrà in vigore a partire dal 2021) ha generato non poca confusione tra i consumatori e tra i gestori.
CONFIDA continua a dare supporto ai gestori facendo chiarezza sul tema, com’è avvenuto in occasione del workshop del 27 marzo, che ha visto l’intervento dell’avv.to Andrea Netti di ADR, esperto di diritto amministrativo, di Erika Simonazzi, direttore marketing di FLO SpA e di Anna Reina, coordinatrice della Commissione Vending Sostenibile di CONFIDA.

Al centro del workshop l’analisi e la corretta interpretazione della Direttiva Europea sulla Plastica, la normativa italiana inserita nell’ultima Legge di Bilancio (comma 802) e un approfondimento sui prodotti monouso in plastica più utilizzati nel vending e le alternative disponibili.

gruppoPreceduta dalla presentazione di Pio Lunel, presidente del Gruppo, è risultata particolarmente interessante la relazione dell’avv. Andrea Netti, il quale ha messo in evidenza le contraddizioni tra la Legge europea e il comportamento delle tante amministrazioni locali che hanno intrapreso iniziative Plastic free in palese contrasto con la Direttiva UE e da ritenersi, quindi, illegittime. Di questo argomento abbiamo parlato in questa News del 29 marzo.
Instancabile il lavoro di Erika Simonazzi che coglie ogni possibile occasione di incontro tra operatori del comparto per “impartire” chiare e semplici lezioni su termini abusati nella quotidianità, ma del cui significato si ha una conoscenza approssimativa: biodegradabile, compostabile, rinnovabile e così via. Anche in questa occasione si è parlato del progetto RiVending, unica soluzione per avviare bicchieri e palette vending in un circuito sostenibile di recupero e riciclo dei materiali.

Importanti anche i suggerimenti ai gestori di Anna Reina, coordinatrice della Commissione Vending Sostenibile di CONFIDA. Il gestore, interlocutore diretto degli utilizzatori dei distributori automatici, ha il compito, se non l’obbligo, di ascoltarne le esigenze, chiarire i reali termini della nuova legge e concordare le migliori soluzioni possibili.

Le imprese di gestione presenti hanno particolarmente apprezzato l’approfondimento tecnico sul cosiddetto ‘plastic free’, tematica su cui, ripetiamo, c’è molta confusione.

Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

Condividi su:
Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.