Acqua Smeraldina. L’unica acqua italiana in Tetra Pack

Tetra Pack15-07-2019 – Anche l’Italia ha la sua acqua in Tetra Pack, un packaging più facilmente riciclabile, sempre che venga correttamente smaltito. Ma, in questo momento storico in cui le multinazionali del Beverage annunciano uno storico passaggio dalla plastica all’alluminio per la loro acqua confezionata, ci sembra giusto evidenziare che già nel 2011 la famiglia Solinas, proprietaria dell’azienda sarda A.L.B SpA e del brand Smeraldina, aveva lanciato la sua confezione da mezzo litro in Tetra Pack, come alternativa alla bottiglia in plastica.
In realtà, il marchio Smeraldina venne impresso per la prima volta già nel 1985 sui brick di cartone da un litro. Successivamente la A.L.B. concentrò l’imbottigliamento soprattutto sulle soluzioni in PET di vari formati (perfino il 25 cl tascabile) finché nel 2011, in collaborazione con Tetra Pack venne sviluppato un nuovo packaging solo per il formato da 0,5 litri naturale.
Un Tetra Pack particolare, denominato Tetra Prisma Aseptic®, dalla forma ergonomica che garantisce una presa sicura, perfetta per il consumo on the go.
Venduta in tutti i continenti, negli Stati Uniti Acqua Smeraldina è considerata un’acqua di eccellenza, premiata come la migliore acqua minerale al mondo da parte del Berkeley Springs International Water Tasting, il più importante concorso dedicato all’acqua minerale. In Francia, invece, la rivista Gayot l’ha inserita tra le migliori 10 acque del pianeta.
Cos’ha di speciale Acqua Smeraldina? È un’acqua oligominerale che si distingue non solo per le qualità organolettiche derivate dall’ambiente roccioso da cui sgorga (il Monti di Deu in Gallura) che ne garantisce purezza ed equilibrio dei sali minerali, ma anche per il sistema di imbottigliamento a cui è sottoposta, che la rende un’acqua sostenibile.
La A.L.B. SpA è impegnata in continue iniziative per il riciclo, attraverso campagne d’informazione che svolge anche nelle scuole del territorio; pone la massima attenzione nella scelta dei materiali; lava le bottiglie con una soluzione naturale di ozono creata dall’acqua stessa e poi le risciacqua con acqua minerale ad alta pressione; applica le etichette con colla vegetale. Inoltre, nel processo di produzione niente va sprecato, grazie al sistema di gestione qualità che coordina tutti i processi aziendali, e ben il 66% delle bottiglie in vetro viene riutilizzato con il sistema del vuoto a rendere, minimizzando così al massimo l’impatto sull’ambiente.
Ecco perché il colore istituzionale di Acqua Smeraldina è da sempre il verde.

Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.
[recaptcha]
Precedente 13 luglio 2019. CONFIDA: 40 anni di Vending
Il prossimo Il TAR Abruzzo respinge il ricorso contro le ordinanze dei Comuni Plastic Free

Autore

Potrebbe piacerti anche

Prodotti 0 Commenti

Le patatine? Sbriciolate vendono di più!

16-03-2017 – L’azienda americana Mail Chimp ha trasformato un difetto di produzione in un vero e proprio business, facendo leva sul risultato di un’indagine di mercato, secondo la quale la

Prodotti 0 Commenti

Da LG dopo la birra arriva anche il dessert in capsule

27-03-2019 – Non abbiamo fatto in tempo ad abituarci all’idea di una birra in capsula da spillare all’occorrenza in casa, che LG ci sorprende con un’altra novità del genere, presentata

Prodotti 0 Commenti

Dispensa Zaniboni lancia nel vending la linea Cuor di Cereale di Gullon

27-05-2019 – Gullon, fra le aziende leader  e punto di riferimento in Europa per il comparto dei biscotti, è senza dubbio uno dei partner di eccellenza di Dispensa Zaniboni, il

0 Commenti

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a Commentare questo post!

Lascia un Commento

Registrati solo gli utenti possono commentare.