Comune di Busto Arsizio. Sciopero se l’angolo ristoro non è a norma

17-02-2015 – Tutto è cominciato quando i dipendenti del Comune di Busto Arsizio (VA) hanno lanciato una singolare richiesta: dotare l’ambiente in cui sono collocati i distributori automatici di una tendina allo scopo di tutelare maggiormente la privacy durante la pausa caffè.
Il presidente del Consiglio comunale Diego Cornacchia ha risposto alla richiesta con la frase “I dipendenti pensano alla pausa caffè mentre la città è un disastro“, frase che ha scatenato la reazione immediata del personale, sviscerando altre problematiche legate al corner distributori automatici.
Attraverso un portavoce, gli impiegati comunali hanno spiegato che il Comune è dotato di due punti di ristoro, uno dei quali si trova in un sottoscala e per esso chiederanno all’Asl di effettuare tutte le verifiche che accertino la regolarità della postazione.
Partendo dal principio che la pausa caffè è un diritto dei lavoratori e che toglierla non risolve i problemi del Comune di Busto Arsizio, i 250 dipendenti sostenuti dalle RSU sono pronti ad andare in assemblea sindacale e, nel caso, a proclamare uno sciopero.

D.A.-Comune-Busto-Arsizio

Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

Condividi su: