Con “Agricoltura Positiva” PepsiCo elimina 3 milioni di tonnellate di gas serra entro il 2030

PepsiCo ha annunciato una nuova e impattante ambizione aziendale di “Agricoltura Positiva”, ancorata all’obiettivo del 2030 di diffondere pratiche agricole rigenerative su 7 milioni di acri, approssimativamente pari alla sua intera impronta agricola. L’azienda stima che questo impegno eliminerà almeno 3 milioni di tonnellate di emissioni di gas serra (GHG) entro la fine del decennio.
Ulteriori obiettivi del programma per il 2030 includono il miglioramento dei mezzi di sussistenza di oltre 250.000 persone nella sua filiera agricola e l’approvvigionamento sostenibile del 100% dei suoi ingredienti chiave.
Il programma di “Agricoltura Positiva” di PepsiCo punta a procurarsi colture e ingredienti tali da accelerare la transizione verso un’agricoltura rigenerativa, con una serie di pratiche che possono migliorare e ripristinare gli ecosistemi, e inoltre costruisce una capacità di ripresa del sistema alimentare, e rafforza le comunità agricole.
L’azienda si concentrerà su:

1. Diffondere l’adozione di pratiche agricole rigenerative su 7 milioni di acri – quasi il 100% della terra utilizzata in tutto il mondo per produrre colture e ingredienti per i prodotti dell’azienda. Si stima che questo impegno aziendale porterà a una riduzione netta di almeno 3 milioni di tonnellate di gas serra (GHG) entro il 2030.
L’agricoltura di precisione sarà fondamentale per rendere note le pratiche rigenerative di PepsiCo in Europa, fornendo misurazioni e approfondimenti per aiutare gli agricoltori a crescere sempre più, utilizzando meno risorse naturali.

2. Migliorare i mezzi di sussistenza di oltre 250.000 persone all’interno della sua catena di approvvigionamento agricolo e nelle comunità, inclusa l’emancipazione economica delle donne. PepsiCo concentrerà il suo lavoro sulle comunità agricole più vulnerabili collegate alla sua filiera globale, compresi i piccoli proprietari terrieri, gli agricoltori, le donne e la minoranza dei coltivatori.
In mercati come Russia, Turchia, Ucraina e Romania, PepsiCo sta lavorando per creare inclusione finanziaria per i coltivatori di patate, fornendo flussi di entrate e pagamenti anticipati così che abbiano fondi sufficienti per l’acquisto di fertilizzanti e semi.

3. Approvvigionamento sostenibile del 100% degli ingredienti chiave, espandendosi per includere non solo le sue colture di origine diretta (patate, mais, avena e arance), ma anche colture chiave da terzi, come oli vegetali e cereali. In Europa questo lavoro è già in corso.

Lavorare lungo la filiera è necessario se vogliamo trasformare il sistema alimentare, ridurre le emissioni di carbonio, sostenere bacini idrici sani, ripristinare la biodiversità e migliorare i mezzi di sussistenza” ha affermato Sheila Bonini, Senior Vice President del Private Sector Engagement presso World Wildlife Fund. “È incoraggiante che PepsiCo stia annunciando, alle proprie filiere di approvvigionamento agricolo, un approccio che può essere positivo sia per la natura che per le persone e il WWF non vede l’ora di collaborare con PepsiCo su un ambizioso e scalare programma di agricoltura rigenerativa”.

Il programma di “Agricoltura Positiva” è un altro passo nel percorso dell’azienda PepsiCo Positive e segue il recente annuncio di PepsiCo di raddoppiare il suo obiettivo climatico science-based, mirando a una riduzione delle emissioni assolute di gas serra lungo la sua filiera di oltre il 40% entro il 2030, nonché impegnandosi a raggiungere zero emissioni nette entro il 2040.

Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

Condividi su: