GDO: su le capsule, giù il macinato!

11-07-2016 – Secondo gli ultimi dati Nielsen, nei primi 4 mesi del 2016 le vendite di caffè nella GDO Grande Distribuzione Organizzata – hanno registrato un’ulteriore ascesa delle capsule, parallelamente all’ennesima contrazione del segmento del caffè macinato, sempre meno presente nelle preferenze dei consumatori.
Il nuovo modello di business – macchina+caffè porzionato – sembra destinato a prendere il volo, soprattutto se la macchina viene proposta in comodato anche nel canale domestico e ciò accade per tutta una serie di ben noti motivi: praticità e rapidità della preparazione, risultato in tazza nella maggior parte dei casi più soddisfacente del caffè preparato con la moka tradizionale, nessuno spreco.
Vantaggi che sembrano far passare in secondo piano il parametro dei “costi”: un chilo di caffè in dosi costa senza dubbio molto di più dell’equivalente macinato.
Dati Nielsen alla mano, nella GDO nel primo quadrimestre 2016, le vendite di caffè in capsule sono aumentate del 22% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, mentre il caffè macinato ha perso un 6%, continuando la tendenza negativa già evidente nel 2015.
I torrefattori italiani non stanno a guardare e adattano la produzione alla nuova domanda: tra sistemi chiusi e l’invasione di compatibili che da qualche anno caratterizza il mercato, il rischio di crisi per loro sembra davvero lontano!

GDO
GDO

Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

Condividi su: