Il distributore di cannabis me lo chiudo da solo

cannabis07-06-2019 – È quello che sta accadendo ai negozi e ai distributori automatici di cannabis in alcune parti di Italia, in particolare a Roma, in seguito ai primi sequestri, con relative multe, eseguiti dalle autorità preposte all’indomani della sentenza della Cassazione del 30 maggio scorso, la cui ambiguità ha dato via libera all’interpretazione dei Prefetti, pronti ad intervenire con sequestri e chiusure.
Procedendo con ordine, è accaduto che il 9 maggio scorso il Ministro dell’Interno Matteo Salvini aveva disposto che prefetture, amministrazioni locali e forze di polizia eseguissero controlli ai punti vendita di cannabis, sia fisici che automatici, sui territori di propria pertinenza e che, entro il 30 giugno inviassero una relazione al Ministero che illustrasse lo stato dei fatti. Delegando di fatto la vigilanza alle autorità locali, già in questa prima fase, i controlli sulla legalità dei prodotti venduti aveva portato a maxi multe e maxi sequestri.
In questo clima e prima ancora della scadenza del 30 giugno, a far precipitare la situazione, è intervenuta la sentenza del 30 maggio della Corte Suprema di Cassazione che, in maniera poco chiara e, ancora una volta lasciando libera interpretazione alle autorità locali, ha stabilito lo stop alla vendita della cannabis light e di tutti i prodotti basati sulle infiorescenze. La sentenza recita:
La commercializzazione della cannabis sativa e, in particolare, di foglie, infiorescenze, olio, resina ottenuti dalla coltivazione […] non rientra nel campo di applicazione della legge n. 242 del 2016, che qualifica come lecita unicamente l’attività di coltivazione di canapa delle varietà iscritte nel Catalogo Comune delle Specie di piante agricole […] e che elenca tassativamente i derivati della predetta coltivazione che possono essere commercializzati“.

In seguito alla sentenza, sono partiti altri controlli a tappeto con conseguenti chiusure, multe e sequestri di merce, una situazione che ha impaurito i commercianti, molti dei quali hanno deciso autonomamente e in via cautelativa di abbassare le saracinesche e disattivare i distributori automatici.

Secondo la sentenza, quindi, la legge n. 242/2016 stabilirebbe che tali prodotti, anche se contegono un THC inferiore allo 0,5%, non possono essere venduti ma, tutt’al più, essere detenuti per uso personale. Per cui “le condotte di cessione, di vendita e in genere la commercializzazione al pubblico, a qualsiasi titolo, dei prodotti derivati dalla coltivazione della cannabis sativa salvo che tali prodotti siano in concreto privi di efficacia drogante”.
In buona sostanza, i rivenditori di cannabis light rischierebbero anche l’accusa di traffico di stupefacenti, com’è accaduto al titolare del Miracanapa di Torino.

Il clima che si è creato, la libera interpretazione delle singole Prefetture, l’attesa di una spiegazione da parte della Cassazione che motivi la legittimità della sentenza del 30 maggio, ha indotto i commercianti a chiudere l’attività autonomamente o a togliere dal commercio le infiorescenze e i suoi derivati, le cui vendite costituiscono il 70% del fatturato. Quello che era apparso come un nuovo business e che aveva dato un duro colpo al traffico di stupefacenti (si stima -14% di attività illegale pari a 100 milioni di euro di fatturato) è diventato in questi giorni un vero incubo.

Precedente Le capsule compatibili Nespresso di illy in comunicazione con Andrea Bocelli
Il prossimo Skipper per il pride 2019 con il succo "senza pregiudizi aggiunti"

Autore

Potrebbe piacerti anche

Attualità Italia 0 Commenti

Preso ladro seriale dei d.a. della Buonristoro

19-07-2016 – È stato finalmente individuato e sottoposto agli arresti domiciliari il ladro seriale che nel corso di un anno ha messo a segno ben 70 colpi ai danni dei

Attualità Italia 0 Commenti

Un crocifisso come piede di porco per scassinare il d.a.

25-10-2017 – “Non c’è più religione”, l’espressione molto usata per commentare fatti e azioni che vanno al di là della decenza, calza a pennello per quanto è accaduto nel piccolo

Attualità Italia 0 Commenti

La pratica del “caffè sospeso” approda nel vending

12-03-2014 – La pratica del “caffè sospeso“, antica tradizione napoletana tornata in auge negli ultimi anni, si è diffusa a macchia d’olio ben oltre i confini nazionali, coinvolgendo anche altri

0 Commenti

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a Commentare questo post!

Lascia un Commento

Registrati solo gli utenti possono commentare.