Il Gruppo Vicenzi presenta il Primo Bilancio di Sostenibilità

il gruppo vicenzi numeri
Primo Bilancio di Sostenibilità

Il Gruppo Vicenzi, realtà industriale con 115 anni di storia, è composto da tre marchi: Pasticceria Matilde Vicenzi, che fa dell’italianità e della tradizione i suoi valori fondanti, Grisbì, il piacere della frolla ripiena di vellutata crema e Mr. Day, che punta sulla semplicità della pasta margherita per distinguersi nella grande arena competitiva delle merende.

Con l’obiettivo di creare un punto di partenza per la definizione delle strategie di sostenibilità aziendali, Vicenzi ha deciso di realizzare il primo Rapporto di Sostenibilità del Gruppo, che si fonda sui valori che ne hanno accompagnato la crescita: la qualità delle materie prime, l’attenzione per la sicurezza dei propri dipendenti, l’impegno verso le comunità del territorio, il crescente rispetto per l’ambiente.
Le materie prime utilizzate sono in massima parte di provenienza italiana, da aziende selezionate. Assicurare la completa qualità di un prodotto significa garantire la sua bontà,  ma anche l’uso di materie prime completamente sicure per il consumatore.
Ogni ingrediente utilizzato dal Gruppo passa un rigido processo di selezione e controllo per assicurare l’assenza di qualunque tipo di  contaminante. Nel 2019 sono stati effettuati circa 165.000 controlli su materie rime, prodotto finito e imballi nei tre stabilimenti di San Giovanni, Bovolone e Nusco.

Il Gruppo Vicenzi ha sempre posto particolare attenzione agli imballaggi: il processo di innovazione è finalizzato a ridurre gli impatti ambientali e allo stesso tempo garantire il mantenimento delle proprietà organolettiche dei prodotti.
Per questo motivo, il gruppo tende a:
• privilegiare, dove possibile, l’utilizzo di materie prime riciclate;
• promuovere l’utilizzo di monomateriali ai fini di aumentare la riciclabilità riducendo (ove possibile) di poliaccoppiati;
• ridurre l’over-packaging, in modo da diminuire il consumo di materiale per l’imballaggio.
Gli imballaggi dei prodotti del Gruppo sono composti prevalentemente da astucci in carta e cartone, vaschette di plastica e confezioni di latta; nel 2019, il 70% del materiale usato per gli imballaggi è rappresentato da carta, mentre il 22% dalla plastica.

Il Gruppo Vicenzi pone particolare attenzione agli impatti ambientali generati direttamente dai poli produttivi, dalle sedi e dalle attività di distribuzione che sono sotto il suo diretto controllo.
In questo contesto, le attività sono prevalentemente legate all’ammodernamento degli impianti e all’adozione di processi e metodi organizzativi sempre più efficienti con l’obiettivo è quello di ottimizzare i consumi sia di energia che di acqua e minimizzare gli sprechi.
Grazie ad un continuo impegno per ottimizzare l’uso delle risorse e migliorare i processi produttivi, nel 2019 Vicenzi ha ottenuto una riduzione del 2% nei consumi specifici di energia elettrica ed una riduzione del 4% in quelli di gas naturale rispetto al 2018.
L’acqua prelevata proviene per circa l’80% da pozzo e per il restante 20% da acquedotto. I consumi più significativi sono due: l’acqua inglobata direttamente nei prodotti, come gli impasti, e l’acqua utilizzata per alimentare gli impianti di raffreddamento. L’acqua utilizzata nel processo produttivo viene per lo più reimmessa in acque superficiali senza apportare rilevanti quantità di inquinanti.
Vicenzi si distingue per l’attenta gestione dei rifiuti. Infatti, delle 938 tonnellate di rifiuti prodotti negli impianti di San Giovanni Lupatoto, Bovolone e Nusco, nel 2019 oltre il 99% è stato avviato a operazioni di recupero presso impianti autorizzati. In particolare, i rifiuti legati al packaging utilizzato nell’attività produttiva, come carta, cartone, plastica, legno e metalli, vengono interamente destinati al riciclo.

Leggi qui il Primo Bilancio di Sostenibilità del Gruppo Vicenzi

 

Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

Condividi su: