La Bisio Progetti vince la causa per la Dolce Gusto di Nestlé

29-07-2019 – La Bisio Progetti, che sviluppa un giro d’affari di 59 milioni di euro e impiega circa 200 dipendenti, è un’azienda di Alessandria che fa parte del gruppo industriale Guala e che si occupa di stampaggio ad iniezione di materie plastiche in ambito farmaceutico, medicale cosmetico e alimentare. Proprio per quest’ultimo settore, ha sviluppato una specifica competenza nella ricerca e sviluppo, progettazione e produzione di capsule per caffè e bevande che lavora per conto delle torrefazioni.
Con la crescente diffusione del sistema a capsule Dolce Gusto, la Bisio Progetti si è trovata di fronte a un gran numero di richieste di capsule da parte di torrefattori che volevano lanciare nel mercato il loro compatibile.
Temendo di entrare in conflitto con Nestlé – cosa che poi è avvenuta – nel 2016 l’azienda si è rivolta al Tribunale di Milano per chiedere il parere dei giudici circa il rischio che la produzione delle capsule sistema Dolce Gusto potesse costituire reato di contraffazione dei brevetti. La risposta a tale richiesta, fatta in via precauzionale, avrebbe tutelato anche gli interessi dei clienti della Bisio Progetti, evitando loro future liti giudiziarie.
Da tale richiesta è nata un acceso confronto giudiziario, avendo Nestlé incaricato i suoi legali a difendere la validità dei brevetti.

A gennaio di quest’anno, i giudici hanno emesso una prima ordinanza, che ha dato ragione alla Bisio Progetti, subito impugnata da Nestlé, che ha presentato immediato ricorso.
Lo scorso 12 luglio, i giudici del Tribunale di Milano hanno respinto il ricorso, confermando l’ordinanza cautelare di gennaio e ribadendo che le capsule prodotte dalla Bisio e attualmente in commercio non violano i brevetti Nestlé, la quale è anche condannata al pagamento delle spese processuali.

Precedente Viva Pocket Noberasco: la natura "a portata di tasca"
Il prossimo Bando di gara IIS "Cicognini - Rodari" di Prato

Autore

Potrebbe piacerti anche

Attualità Italia 0 Commenti

Weather Safe: una app per salvare le piantagioni di caffè

20-06-2014 – Si chiama Francesco Liucci, ha 27 anni ed è originario di San Giorgio del Sannio (BN) ma vive a Oxford, dove si è trasferito dopo la laurea per

Attualità Italia 0 Commenti

Un juke-box digitale per i 50 anni di Kimbo

12-03-2014 – L’anno di festeggiamenti per il 50° anniversario della torrefazione napoletana Kimbo volge al termine ed è segnato da un ennesimo evento: la presentazione di Internazionale Juke-Box del Caffè,

Attualità Italia 0 Commenti

Dona il sangue con Fullin Distributori Automatici

04-05-2016 – Una lodevole iniziativa dell’AVIS Regionale Veneto (ABVS) in collaborazione con l’azienda lattiero-casearia Lattebusche e la società di distribuzione automatica Fullin promuove contemporaneamente la sana alimentazione e la donazione

0 Commenti

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a Commentare questo post!

Lascia un Commento

Registrati solo gli utenti possono commentare.