Le torrefazioni polacche si uniscono per aiutare l’Ucraina

Le torrefazioni polacche Bero Polska, Coffeedesk, HAYB, LaCava, Kafar e Story si sono unite per realizzare un progetto no-profit a sostegno dell’Ucraina.
Un progetto legato al caffè in cui il caffè è l’elemento meno importante: quel che conta è che il ricavato della vendita di 1.000 confezioni di caffè tostato viene donato interamente all’Azione Umanitaria Polacca, che si sta prendendo cura dei rifugiati ucraini, in fuga dalla guerra.

Il progetto è stato avviato da Paula Gwarek, una Q-grader di Bero Polska, importatore di caffè, che ha invitato 5 torrefattori polacchi a collaborare per realizzare un progetto per l’Ucraina. Bero Polska ha deciso di donare 300 chilogrammi di caffè verde dai quali i 5 torrefattori polacchi HAYB, ACR, LaCava, Kafar e Story, creeranno oltre 1.000 confezioni di caffè tostato. Il team di Coffeedesk è responsabile del branding e della vendita di tutto. La vendita dell’intero progetto dovrebbe generare quasi 50.000 PLN (oltre 10.000 EUR) , che Coffeedesk donerà poi all’Azione Umanitaria Polacca, senza alcun profitto per nessuna delle torrefazioni coinvolte.
Il team di Coffeedesk si è offerto volontario per decorare le confezioni del caffè a mano, utilizzando non pastelli e pennarelli, ma uno spremiagrumi con vernice gialla e blu, i colori della bandiera ucraina.  Ogni confezione è diversa e unica e arriverà all’acquirente in modo casuale: nessuno potrà scegliere la particolare torrefazione da cui desidera il caffè o un design specifico della confezione.
Il personale del magazzino di Coffeedesk preparerà i pacchi con caffè selezionati casualmente, perché lo scopo del progetto non è quello di confrontare i diversi blend, ma contribuire a un’azione umanitaria importante.

5/5 (1)

Lascia una valutazione

Condividi su: