Se il compenso è inadeguato, il patto di non concorrenza decade

12-11-2018 – Il Tribunale di  Perugia, con la sentenza n. 369 del 10 Ottobre 2018, ha stabilito che il patto di non concorrenza, firmato da un lavoratore sulla limitazione alla sua eventuale attività dopo la cessazione del rapporto di lavoro, è nullo se il compenso pattuito non è adeguato al sacrificio richiesto  ed è determinato sulla base dell’anzianità di lavoro.
Il caso specifico, esaminato dal Tribunale di Perugia, prevedeva:
• il divieto di svolgere “attività di promozione, di vendita, di assistenza tecnica e comunque in generale attività commerciale in concorrenza con quella svolta dalla stessa società, sia in proprio che in collaborazione con altri, sia in forma subordinata che autonoma o associata, e quindi in alcun modo o forma e neppure per interposta persona e in generale con alcun comportamento o alcun rapporto di qualunque natura”;
• che il patto aveva “validità per l’intero territorio nazionale ed in tale ambito per tutta la clientela, già sussistente o potenziale, della società e per tutti i prodotti dalla stessa commercializzati o commercializzabili nell’ambito merceologico dei prodotti core business dell’azienda;
• che tale patto prevedeva, in caso di violazione, il pagamento di una penale pari 18 mensilità della retribuzione lorda;
• che il patto prevedeva, quale corrispettivo, l’erogazione di una somma lorda annua pari a E 7.000,00 erogata, in frazioni mensili di E 500,00 per quattordici mensilità;
•  che il rapporto di lavoro è cessato a seguito di dimissioni del convenuto;
• che questi ha violato il patto in quanto ha immediatamente intrapreso un nuovo rapporto lavorativo con un’altra società, in diretta concorrenza con la ricorrente.

Secondo i termini del contratto, il patto era collegato all’anzianità del lavoratore e non alla congruità del compenso per il sacrificio richiesto al dipendente uscente.

Fonte: www.fiscoetasse.com

patto di non concorrenza

 

 

 

Precedente Bando di gara Comando Raggr. Aeromobili Carabinieri di Pomezia (RM)
Il prossimo Stati Generali del Vending 2018. Intervista col presidente di CONFIDA

Autore

Potrebbe piacerti anche

Norme e Leggi 0 Commenti

Medicinali da banco e Vending. Il Ministero della Salute dice no

12-11-2019 – La Direzione generale dei dispositivi medici e del servizio farmaceutico, che è parte del Ministero della Salute, ha risposto ad un quesito posto da Federfarma, relativo alla possibilità

Norme e Leggi 0 Commenti

La proroga della gara vale anche dopo la data di scadenza

20-02-2018 – Così si è pronunciato il TAR del Lazio con la sentenza n° 531/2018 in merito al ricorso presentato da una ditta partecipante ad una gara di appalto che

Norme e Leggi 0 Commenti

San Marino. Retro-front sui d.a. di profilattici

30-08-2016 – Nonostante avesse guadagnato l’ok del Consiglio, la proposta di legge di installare distributori automatici di profilattici nelle scuole superiori della Repubblica di San Marino è stata bloccata e

0 Commenti

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a Commentare questo post!

Lascia un Commento

Registrati solo gli utenti possono commentare.