USA. Distributori automatici di assorbenti igienici nelle scuole

USA. Distributori automatici di assorbenti igienici nelle scuole

29-10-2015 – Un’iniziativa della città di New York, sostenuta dall’azienda sanitaria privata Hospeco, ha dato avvio all’installazione di distributori automatici di assorbenti igienici in alcune scuole della Grande Mela, dislocate nei quartieri difficili, dove le famiglie vivono maggior disagio economico.
L’idea di fornire questo genere di prodotto alle teenagers è nata dall’osservazione del comportamento delle ragazze e da un’indagine che ha rivelato che alcune di loro, consce delle difficoltà economiche della propria famiglia, evitano di chiedere i soldi per acquistare questo genere di prodotto, che in USA è un po’ caro: 10 dollari a scatola.
Inoltre, si è notato che proprio in concomitanza del ciclo mensile le ragazze tendevano ad assentarsi dalla scuola, non avendo modo di proteggersi per tante ore.
I distributori automatici collocati all’interno dei bagni femminili dovrebbero risolvere questa mancanza ed evitare, come accaduto, che le insegnanti si auto tassassero per aiutare le studentesse in difficoltà.

assorbenti igienici

assorbenti igienici

Precedente ISTAT. A ottobre cresce la fiducia di imprese e consumatori.
Il prossimo Banconote false da 20 euro nei d.a. in provincia di Napoli

Autore

Potrebbe piacerti anche

Attualità Estero 0 Commenti

Morto VG Siddhartha, il re del caffè indiano

01-08-2019 – Non si avevano più notizie di lui da giorni e solo ieri, mercoledì 31 luglio, è stato ritrovato nei pressi di un fiume nella città di Mangalore il

Attualità Estero 0 Commenti

Arabia Saudita. No agli energy drink

14-04-2014 – Il governo saudita ha dato il via a una serie di provvedimenti che vietano il consumo di energy drink, un mercato da un miliardo e mezzo di dollari

Attualità Estero 0 Commenti

Il caldo minaccia le piantagioni di caffè del Kenya

27-06-2017 – I gravi effetti del cambiamento climatico sull’ambiente non risparmiano nemmeno il caffè; lo conferma un recente studio pubblicato sulla rivista scientifica Nature Plants, che ha mostrato come le

0 Commenti

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a Commentare questo post!

Lascia un Commento

Registrati solo gli utenti possono commentare.