Vending Paris 2017 – Intervista con Ermenegildo e Serge Deotto

24-05-2017 – La D8 – che si voglia pronunciare Deotto o Dehuit poco importa – è una delle più importanti società di gestione francesi con oltre 300 dipendenti e 25.000 macchine installate.
Non tutti sanno che artefice di questa impresa di successo è un italiano, Ermenegildo Deotto, friulano doc che nel 1965 emigrò in Francia, svolgendo lo stesso mestiere che fino ad allora aveva svolto in Italia: l’operaio edile. Una serie di fortunati incontri e di belle amicizie, unita alla curiosità, alla voglia di intraprendere nuove strade, alla felice intuizione rispetto al futuro di un settore che allora cominciava a svilupparsi, hanno totalmente cambiato il corso della sua vita.
L’esordio di Ermenegildo Deotto nel mondo della distribuzione automatica avvenne nel 1972 con Faema, proseguì con i primi esemplari di macchine a capsule – la UnoX di Dino Macchi – e poi con Lavazza, per completarsi successivamente con i distributori automatici Necta, Bianchi, FAS.
Brand italiani per un italiano che ha saputo esportare in Francia il made in Italy del vending facendone un’attività di successo, oggi continuata dai suoi figli.
Serge Deotto, presidente della D8, ed Ermenegildo Deotto, deus ex machina dell’impresa, raccontano questo straordinario percorso nell’intervista realizzata da Fabio Russo per Vending TV tra i corridoi di Vending Paris.
Clicca sull’immagine e segui l’intervista!

deotto
deotto

Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

Condividi su:
Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.