Anche i pagamenti via app sono validi ai fini della detrazione fiscale

Ad esclusione delle spese sanitarie (farmaci ed esami medici), la Legge di Stabilità 2020 (comma 679 art. 1 della legge 160/2019) ha introdotto l’obbligo di pagamento delle spese che si vogliono portare in detrazione fiscale ai fini IRPEF, esclusivamente con sistemi tracciabili, vale a dire con bancomat, carte o assegni. Tutti i pagamenti in contanti cancellano di fatto il diritto alla detrazione.
I mezzi di pagamento riconosciuti sono carte di debito, di credito e prepagate, assegni bancari e circolari ed altri sistemi di pagamento tracciabili come le app.
Quindi, i sistemi di pagamento come Satispay, Paypal, Apple Pay, Google Pay e simili, essendo trasparenti, sono considerati validi ai fini delle detrazioni.
È indispensabile, in caso di controlli, poter esibire la ricevuta della transazione effettuata, che può essere elettronica, stampata in formato Pdf, ricevuta via sms o tramite la stessa app di pagamento utilizzata.

 

Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

Condividi su:
Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.