Assaggiatori di caramelle: con Perfetti Van Melle il mestiere dei sogni dei bambini

26-07-2019 – Nella lista del lavoro dei sogni da bambino (ma perché no? Anche per molti adulti) quello dell’assaggiatore di caramelle si trova senza dubbio fra i primi posti. Sembrerebbe un mestiere di fantasia, eppure si tratta di una mansione piuttosto delicata e ricercata.

Perfetti Van Melle, multinazionale italiana leader nella produzione di chewing gum, caramelle e snack, che conosciamo bene per marchi come Vigorsol, Daygum, Vivident, Goleador, Fruittella, Chupa Chups e molti altri, è proprio alla ricerca di nuove figure di assaggiatori.

Si tratta di un vero e proprio team di operatori provenienti dall’esterno dell’azienda, formati e addestrati per 3 anni a riconoscere le caratteristiche organolettiche di un prodotto e a valutarle in senso scientifico e commerciale.

Come spiega l’analista sensoriale di Perfetti Van Melle, Maria Laura Corollaro, per un chewing gum in confetti si può ad esempio valutare la croccantezza della confettatura e l’elasticità nella masticazione. Se si assaggia una caramella alla fragola sarà importante valutarne le caratteristiche aromatiche. Ogni prodotto ha delle specifiche da osservare e classificare, e per fare ciò gli assaggiatori lavorano due mattine a settimana, allenando continuamente le diverse proprietà sensoriali nel giudizio dei prodotti.

L’ambiente deve essere il più possibile privo di stimoli sensoriali, così da non influenzare la percezione del giudice e permettere la rilevazione delle sole caratteristiche del prodotto. I prodotti, del resto, sono consegnati in maniera del tutto anonima.

Il giudice assaggia, segna la propria valutazione su un computer, poi mangia un grissino per ristabilire una percezione neutra e prosegue con un nuovo test. Queste ricerche possono servire a implementare i prodotti già esistenti o a testarne di nuovi.

L’obiettivo è quello di creare una codificazione e dei protocolli che possano unificare i controlli di qualità a livello sensoriale, ovvero, rendere questo processo il più oggettivo possibile.

Cosa serve, dunque, per diventare assaggiatori? Basta avere una predisposizione alla sensibilità verso aromi e sapori, e poi meno formazione si ha nel campo e meglio è, perché Perfetti Van Melle forma i propri assaggiatori secondo esigenze specifiche dell’azienda.

Precedente Bando di gara Università degli Studi di Firenze
Il prossimo Viva Pocket Noberasco: la natura "a portata di tasca"

Autore

Potrebbe piacerti anche

Aziende 0 Commenti

Francia. Bianchi Vending e Daltys sulle stazioni di rifornimento Total

09-06-2015 – Bianchi Vending S.p.A.,  leader nella produzione di distributori automatici  ha chiuso una commessa d’importanza strategica con il Gruppo Daltys, principale gestore francese con più di 50.000 distributori gestiti. L’azienda italiana produrrà più

Aziende 0 Commenti

EVOCA al SIGEP con un’incredibile offerta per il Fuori Casa

18-01-2018 – EVOCA, precedentemente N&W Global Vending, è la nuova realtà che integra otto marchi che hanno in comune la focalizzazione nel mercato del caffè, la capacità tecnologica e di innovazione,

Aziende 0 Commenti

Lavazza a Sigep 2019 reinterpreta l’espresso italiano

18-01-2019 –  Lavazza è protagonista al Sigep 2019 con uno stand di oltre 200 metri quadri. Con la partecipazione a uno degli appuntamenti più importanti nel mondo Ho.Re.Ca., l’azienda ribadisce la propria

0 Commenti

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a Commentare questo post!

Lascia un Commento

Registrati solo gli utenti possono commentare.