Bulgaria. Rischio tassa su cibo spazzatura

02-11-2015 – Il Ministro della Salute bulgaro Petar Moskov ha presentato una proposta di legge che prevede l’introduzione di una tassa  sugli alimenti ad alto contenuto di zuccheri aggiunti, sale, caffeina ed oli idrogenati che vada in vigore già nel 2016.
La tassa prevede varie aliquote (dal 3 al 78%) a seconda del tipo di alimento (la più alta è riservata ai grassi idrogenati) e punisce i consumatori che vedranno lievitare i prezzi di tutta una serie di prodotti: dolciumi, bevande gassate ed energetiche, cioccolato, gelato, patatine, maionese, margarina e prodotti di imitazione del latte.
La Bulgaria ha fretta di varare la legge, che dovrebbe portare nelle casse dello Stato 150 milioni di leva (circa 76,7 milioni di euro), necessari a realizzare una serie di progetti “salutari”: il 20% servirà a ristrutturare palestre; un altro 20% a migliorare la qualità dei pasti nelle scuole e il restante 60% a prevenire malattie croniche.

Bulgaria tassa
Bulgaria tassa

Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

Condividi su: