Consorzio ERP raggiunge l’obiettivo UE di raccolta RPA in 6 mesi

08-07-2019Consorzio ERP Italia, tra i principali Sistemi Collettivi senza scopo di lucro che si fanno carico sull’intero territorio nazionale della gestione a norma di RAEE (Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche) e RPA (Rifiuti di Pile e Accumulatori), si conferma leader nel settore delle batterie e accumulatori portatili, superando l’obiettivo obbligatorio imposto dall’UE che fissa il target di raccolta e/o smaltimento almeno al 45% dell’immesso.
In sei mesi, il Consorzio ERP Italia ha raccolto 1.464.357 kg di batterie e accumulatori portatili, ovvero il 47% ERPdel’RPA immesso nel mercato dai principali produttori di pile e accumulatori portatili associati al Consorzio. Un risultato ancora più significativo, se considerato che il Consorzio ERP Italia è costantemente impegnato a ricercare continue efficienze e a offrire tariffe molto competitive in rapporto al tasso di raccolta.

Secondo la normativa UE, i produttori di batterie e accumulatori portatili devono assicurare che almeno il 45% dei propri prodotti immessi sul mercato siano recuperati e smaltiti, pena la mancata conformità alla normativa ed il rischio di incorrere in sanzioni. Diventa quindi fondamentale per loro scegliere un partner sicuro e affidabile che possa garantire una raccolta reale, in modo da promuovere l’economia circolare del settore, avviando le batterie esauste al corretto smaltimento ed evitando quindi la loro dispersione nell’ambiente.

“La raccolta RPA è molto complessa per natura, dimensione e diffusione capillare delle batterie esauste”, afferma Alberto Canni Ferrari, Country General Manager di Consorzio ERP Italia. “Grazie alla nostra particolare struttura organizzativa, che deriva dalla nostra rete internazionale, Consorzio ERP Italia è in grado di operare con una fitta rete logistica di operatori, ottenendo ottimi risultati e garantendo le migliori tariffe dal punto di vista del rapporto tasso di raccolta/prezzo, assicurando ai nostri associati il rispetto dei loro obblighi di compliance nel rispetto dell’EPR (Extended Producer Responsability)”.

Precedente Naturale, aromatizzata o zero Alove di Fe.Mo. è la bevanda dell’estate
Il prossimo Parte dagli States la rivoluzione del packaging delle acque PepsiCo

Autore

Potrebbe piacerti anche

Aziende 0 Commenti

Caffè La Messicana Piacenza vince il Bellavita Awards

28-06-2016 – Caffè La Messicana Piacenza ha vinto il  BELLAVITA AWARD TRE STELLE all’NRA Show 2016 tenutosi a Chicago dal 21-24 maggio scorso. Caffè La Messicana Piacenza ha partecipato come espositore

Aziende 0 Commenti

EVOCA Group a The NAMA Show con Cafection

20-03-2018 – Cafection è una joint venture del Gruppo EVOCA, conclusa per rafforzare la propria presenza negli Stati Uniti dove le prospettive di crescita per il costruttore di Valbrembo possono

Aziende 0 Commenti

Dal Colle entra in Melegatti per diversificare con gli snack

15-01-2018 – La situazione della storica azienda Melegatti, produttrice di pandori e panettoni, è salita alla ribalta delle cronache degli ultimi mesi per la grave situazione debitoria che l’ha messa

0 Commenti

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a Commentare questo post!

Lascia un Commento

Registrati solo gli utenti possono commentare.