Credito d’imposta fiere. Finanziati anche i costi per le fiere internazionali annullate per COVID

La misura, introdotta dal D.L. n. 34/2019 (Decreto Crescita) e in attesa del decreto attuativo è dedicata alle imprese che parteciperanno o hanno partecipato, tra il 2019 ed il 2020, a fiere internazionali sia in Italia che all’estero.
L’agevolazione comprende le spese sostenute nel corso del 2019 e nel 2020, relative ai costi per:
– affitto spazi espositivi;
– allestimento dello stand;
– pubblicità, promozione e comunicazione dell’evento.

Per l’anno 2020 sono ammesse anche le spese per la partecipazione a fiere e manifestazioni commerciali all’estero disdette, a seguito dell’emergenza epidemiologica da Covid-19.

Il beneficio fiscale consiste in un credito di imposta pari al 30% delle spese sostenute, utilizzabile in compensazione, fino ad un importo massimo di euro 60.000.
Il credito d’imposta è fruibile in compensazione, in un’unica soluzione, e il beneficio sarà assegnato in base alla procedura basata sull’ordine cronologico di presentazione della domanda, fino ad esaurimento delle risorse finanziarie.
Anno d’imposta 2019: agevolazione riconosciuta fino ad esaurimento della dotazione pari a 10 milioni di euro, per l’anno 2020;
Anno d’imposta 2020: beneficio riconosciuto fino ad esaurimento dei fondi pari a 5 milioni di euro, per l’anno 2021.

 

Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

Condividi su:
Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.