Ferrero assume a Balvano e prepara la ripresa ad Alba con oltre 1.000 stagionali in più

È sicuramente una delle aziende più solide della nostra economia, un’azienda che non conosce crisi e che cresce anche nei momenti più bui della storia del nostro Paese: la Ferrero rappresenta una sicurezza per chi già vi lavora e un obiettivo che molti vorrebbero raggiungere nel proprio percorso professionale, al di là del livello e del ruolo. L’attenzione verso i dipendenti, la condivisione degli obiettivi, la conciliazione tra esigenze lavorative e personali sono altri aspetti dell’azienda che attraggono quanti vorrebbero farne parte.
E Ferrero, ogni anno, implementa il personale con nuove assunzioni, sia a tempo indeterminato che stagionali, per rispondere ai picchi produttivi che si presentano nel corso dell’anno.
Anche in questo periodo in cui lo stabilimento di Alba (CN) è fermo e i dipendenti sono in ferie, Ferrero programma la ripresa di fine luglio, prevedendo nuove assunzioni: dovrebbero essere oltre 1.000 gli stagionali che entreranno in azienda per la ripresa delle attività che puntano al mercato della stagione autunnale e alla preparazione del Natale.
Anche lo stabilimento di Balvano, in provincia di Potenza, vedrà un ampliamento con l’assunzione di 150 nuovi addetti, necessari per soddisfare le richieste dei Nutella Biscuits, la cui produzione dovrebbe passare  da 16 mila a 33 mila tonnellate annue, facendo del sito di Balvano uno stabilimento totalmente dedicato al fortunato biscotto firmato Ferrero.
A tale scopo sono previsti alcuni lavori come la realizzazione di un nuovo corpo di fabbrica, la ricollocazione di alcune aree di deposito temporaneo dei rifiuti, la riconfigurazione delle reti di scarico, la rimodulazione del quadro emissivo. Opere che dimostrano l’attenzione dell’azienda anche per il territorio in cui opera, affinché la produzione industriale abbia il minor impatto possibile sull’ambiente.

 

Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

Condividi su: