In Giappone si può bere il caffè all’aglio

20-10-2017 – Sappiamo molto bene che il mondo del caffè può offrirci tantissime specialità, abbinamenti e accostamenti frutto talvolta di sperimentazioni, ma quello che proprio non ci aspetteremmo, forse, è vederci servire da un barista un caffè all’aglio.
Eppure in Giappone questa bevanda, dal gusto e dall’aspetto del tutto simile al caffè, esiste ed è proposta come una valida alternativa per chi non può assumerlo per problemi di salute. Può essere inoltre bevuta anche da bambini e donne incinte a tutte le ore del giorno senza alcun effetto collaterale.
Ad inventare questo particolare caffè all’aglio è stato Yokitomo Shimota, proprietario di una caffetteria ad Aomori, nel nord del Paese, dove molti anni fa ebbe per la prima volta l’idea di provare a realizzare la bevanda, che pare essere nata da una distrazione.
Infatti, Shimota ha raccontato che l’idea per la sua creazione è arrivata dimenticando una bistecca su una piastra che stava cuocendo con dell’aglio che, alla fine, si bruciò; schiacciando quest’ultimo con un cucchiaio e aggiungendo dell’acqua calda si accorse di avere ottenuto un qualcosa di molto simile al caffè.
Negli anni successivi Shimota si è dedicato a cercare il metodo perfetto per ottenere il miglior caffè all’aglio e nel 2015, dopo essere andato in pensione, ha aperto una bottega per dedicarsi completamente alla sua invenzione, al fine di vederla commercializzata. A quanto pare questo sogno si è realizzato, poiché ad oggi, il prodotto è venduto in due negozi di Aomori.
Un’alternativa davvero originale al tradizionale espresso proveniente da un paese, il Giappone, che da sempre ci ha abituati alle più bizzarre e originali novità!

caffè all'aglio

Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

Condividi su: