Il Food Delivery: all’orizzonte un nuovo competitor per il Vending

Delivery04-02-2019 –  Il Delivery Report 2018 di Glovo – l’app spagnola dell’anything delivery presente con i suoi oltre 5.000 partner in dodici città italiane – offre uno spaccato delle abitudini degli italiani e del loro rapporto con le consegne a domicilio. Dall’analisi degli ordini dell’anno appena concluso affiora chiaramente come il food delivery sia diventato per gli italiani una vera e propria alternativa alla cucina casalinga non solo per la classica cena (+409% di consegne rispetto al 2017), ma anche per il pranzo fuori ufficio o come sostituto della mitica schiscetta (+395% vs 2017) e, a sorpresa, persino della colazione (+349% se paragonati al 2017), perché nel frenetico tran-tran mattutino si fa fatica anche a riscaldare il latte.

A livello nazionale, la pizza si conferma anche nel 2018 il piatto più ordinato in assoluto su Glovo (con oltre il 27% degli ordini vs il 24% del 2017), seguito, per gli amanti della carne, dal burger (15% degli ordini vs 17% del 2017) e dal sushi (11% degli ordini vs 17% del 2017), per chi non può fare a meno della cucina orientale.

Non solo food, ma anything delivery, perché la comodità viene prima di tutto
Gli italiani si affidano sempre più spesso ai servizi di delivery per farsi recapitare davvero qualsiasi oggetto, perché se è vero che si ha sempre meno tempo, a volte non si ha proprio voglia di fare certe commissioni. In un anno sono stati recapitati oltre 850 mazzi di chiavi dimenticati per sbaglio; 1.000 bouquet di fiori in un solo pomeriggio a Milano (a San Valentino i fiori rappresentano oltre il 57% di tutti gli ordini della giornata, seguito dai cioccolatini (39%) e dai sex toys (il 4% degli ordini, con una crescita di oltre il 500% rispetto al 2017); delle ali piumate nere e un cerchietto con aureola nera (non chiediamoci il perché); 150 palloncini entro massimo un’ora per il terzo compleanno di mio figlio (“vi prego aiutatemi”); ma anche due gin tonic per brindare a una giornata di lavoro da dimenticare!

La spesa al supermercato passa da Glovo
Sempre tramite l’app di delivery gli italiani fanno scorta di acqua (rappresentano il 15% degli ordini complessivi della categoria), cialde di caffè (5%) e banane (3%) ordinando direttamente sul supermercato di Glovo. Una tendenza che vede le richieste concentrarsi soprattutto durante la settimana con il 66% degli ordini che avvengono tra lunedì e venerdì, rispetto ai restanti 34% che si concentrano nel week-end.

I dati riportati dal report non possono non indurre in alcune riflessioni, relativamente al Vending: se è più facile (o forse pratico) ordinare colazione e pranzo, acqua e bevande e cialde di caffè via app e farseli comodamente recapitare in ufficio, quanto rischiano di calare le battute dei distributori automatici presenti nei luoghi di lavoro?
Il Food Delivery si profila come n nuovo competitor per i gestori della Distribuzione Automatica?

 

Precedente La pasticceria di Bottega Balocco diventa monodose
Il prossimo Acqua Gran Guizza: rinnovato il contratto aziendale

Autore

Potrebbe piacerti anche

Attualità Italia 0 Commenti

I distributori automatici di “Gratta e Vinci” eliminati dagli uffici postali

05-08-2013 – Una battaglia legale iniziata nel 2011 è giunta a conclusione con pieno successo delle associazioni che l’hanno portata avanti con determinazione. Il Comitato Difesa dei Consumatori Puglia e

Italia 0 Commenti

Il vending a Expotechnologies

14-05-2015 –  In occasione di Expo 2015,con l’obiettivo di valorizzare e far conoscere ad un pubblico vasto ed internazionale le innovazioni nelle tecnologie e nelle macchine della filiera agroalimentare, si terrà

Italia 0 Commenti

Recoaro. I sindaci rivendicano la territorialità

23-09-2016 – È previsto per mercoledì 28 settembre l’incontro tra i 21 sindaci dei Comuni presenti nell’area dello stabilimento Recoaro e il Comitato istituito per seguirne la cessione al gruppo

0 Commenti

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a Commentare questo post!

Lascia un Commento

Registrati solo gli utenti possono commentare.