Il Regno Unito studia una “snack tax” per contrastare l’obesità

Il Regno Unito potrebbe essere il primo paese a introdurre una “snack tax”, una tassa sugli snack con un doppio obiettivo: da una parte spingere i produttori di merendine a rivedere le proprie ricette in funzione di una riduzione dei quantitativi di zucchero e sale e dall’altra aiutare le persone a migliorare la propria alimentazione.

A spingere ulteriormente in questa direzione è stata l’epidemia del COVID-19, che ha evidenziato come i casi più gravi e un alto tasso di mortalità si siano registrati tra le persone obese. Nel Regno Unito ci sono 13 milioni di adulti obesi, una cifra che è raddoppiata nel corso degli ultimi venti anni, mentre nella fascia di età fino ai 10 anni si è evidenziato che un bambino su tre è in sovrappeso. Una situazione che nel Paese determina 64.000 decessi all’anno e una spesa per il servizio sanitario che arriva a 74 miliardi di sterline.

Per approntare la nuova tassa, il governo inglese ha coinvolto un esperto: Henry Dimbleby, fondatore di una catena di ristoranti, che ha creato la Strategia alimentare nazionale e l’ha presentata a luglio al governo del Regno Unito.
La strategia si articola su due idee principali: una tassa sui cibi contenenti sale e zucchero, che i media hanno chiamato “snack tax” e la distribuzione gratuita di verdura alle persone più povere.

La tassa consisterebbe in un’imposta di 3 sterline al kg sullo zucchero e di 6 sterline al kg sul sale venduto per la produzione di alimenti trasformati e nelle attività di ristorazione.

Sembra, però, che il primo ministro Boris Johnson non sia d’accordo poiché, piuttosto di gravare i lavoratori di una nuova tassa,  propenderebbe per una strategia che punti ad incoraggiare uno stile di vita più sano, spingendo le persone a  fare esercizio fisico e mangiare meno cibo spazzatura.

La proposta di Dimblely è stata presentata al segretario dell’ambiente, George Eustice, che ha dichiarato che l’avrebbe presa in considerazione per elaborare una strategia governativa su questo tema nei prossimi mesi.

Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

Condividi su: