Ipotesi tassa europea sulla plastica. Interviene l’EuPC

23-10-2019 – L’EuPC è la federazione europea dei trasformatori di materie plastiche, in questi giorni impegnata a confrontarsi con l’ipotesi di una tassa sulla plastica che la Commissione europea intenderebbe applicare a tutti i Paesi dell’Unione. Si tratterebbe di un’imposta sugli imballaggi in plastica non riciclata, che ogni Paese membro dovrebbe versare, stabilendo autonomamente come recuperarla all’interno del proprio Stato. Tale tassazione andrebbe a coprire il periodo 2021-2027.

Secondo l’EuPC, l’imposta andrebbe a penalizzare fortemente l’industria europea delle materie plastiche, che impiega più di un milione e mezzo di persone e conta circa 50.000 imprese di varie dimensioni, e frazionerebbe il mercato poiché ogni Paese agirebbe secondo proprio linee. Qualcuno potrebbe decidere di rivalersi sui produttori, qualcun altro sui consumatori, senza con questo risolvere il problema della plastica.

Secondo Alexandre Dangis, direttore di EuPC “La Commissione Europea sta commettendo un enorme errore. Tra cinque anni vedremo i danni di queste misure populiste e miopi. Soprattutto le PMI, spina dorsale dell’economia europea, ne risentiranno pesantemente e queste misure segneranno la fine del mercato unico dell’UE.”

Precedente CONFIDA. Un intenso piano formativo per l'autunno 2019
Il prossimo Anche il Vending sceglie WAMI per portare l'acqua dove non c'è

Autore

Potrebbe piacerti anche

Attualità Estero 0 Commenti

Francia. Bocciata la tassa sull’olio di palma

21-07-2016 – Non ha avuto nemmeno il tempo di entrare in vigore: la tassa sulle importazioni di olio di palma in Francia è stata bocciata dal Senato, smorzando così gli entusiasmi

Attualità Estero 0 Commenti

USA. Bambino inventa un d.a. e rifiuta di vendere il brevetto

20-05-2016 – Si chiama Taylor Rosenthal, ha 14 anni e vive in Alabama il ragazzino che ha inventato un particolare distributore automatico, rifiutando poi di venderne il brevetto. Il quattordicenne, che

Attualità Estero 0 Commenti

Etichette a semaforo. Anche la Spagna adotta Nutri-Score

19-11-2018 – Il modello Nutri-Score sbarca in Spagna, dopo l’approvazione delle etichette a semaforo in Francia e l’adozione in Belgio e Portogallo. “L’attuale etichettatura nutrizionale, sebbene abbia rappresentato un progresso

0 Commenti

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a Commentare questo post!

Lascia un Commento

Registrati solo gli utenti possono commentare.