Huskee Cup: la tazza realizzata con gli scarti del caffè

29-09-2017 – Huskee è un’azienda australiana che sta realizzando un progetto capace di coniugare design e sostenibilità ambientale, ovvero mettere in commercio, per l’inizio del 2018,  le Huskee Cup, tazze realizzate con gli scarti del caffè. Nello specifico, ad essere utilizzato è il pergamino, la membrana che avvolge i chicchi di caffè prima che essi vengano lavorati.
Huskee per realizzare queste tazze eco-sostenibili ha dato vita ad una campagna di crowdfunding sulla piattaforma Kickstarter (attraverso la quale utenti interessati ad un’idea possono diventarne i finanziatori acquistando in anticipo ciò che viene proposto) per raggiungere la cifra necessaria alla realizzazione delle tazze, ovvero 20mila dollari australiani (quasi 14mila euro).
Gli utenti, però, si sono dimostrati davvero entusiasti del progetto e attualmente la cifra raggiunta è di 113.500 dollari; la campagna Kickstarter è stata chiusa e ora, dato il successo, è possibile ancora preordinare il la Huskee cup attraverso un altro sito dedicato a progetti di questo tipo, ovvero IndieGogo.
Le tazze ideate da Huskee sono pratiche e funzionali, ma anche esteticamente accattivanti, realizzate in tre formati diversi, e anche in una versione con coperchio che vuole presentarsi come una valida sostituta dei bicchieri monouso da caffè.
Gli ideatori, inoltre, assicurano che le Huskee Cup non hanno nulla da invidiare alle tradizionali tazze in gres o ceramica: sono resistenti (e possono essere lavate anche in lavastoviglie), sono maneggevoli e, soprattutto, aiutano e rispettano l’ambiente poiché realizzate con resine naturali e scarti vegetali. Un prodotto che già si annuncia come un successo e che potrebbe lanciare un nuovo trend nel campo del design.

huskee

huskee

Precedente L'Associazione europea (EVA) pubblica i nuovi dati di mercato
Il prossimo Partono le visite guidate allo stabilimento produttivo illy

Autore

Potrebbe piacerti anche

Attualità Estero 0 Commenti

Svizzera. No alle Bitcoin vending machine

19-06-2014 – L’Autorità Federale di Vigilanza dei Mercati Finanziari non ha autorizzato la Bitcoin Suisse a mettere in funzione il primo distributore automatico di moneta virtuale, previsto a Zurigo ai

Attualità Estero 0 Commenti

A Brighton le opere d’arte si vendono nel distributore automatico

28-07-2017 – Un gruppo di giovani artisti nella cittadina inglese di Brighton ha dato vita ad un esperimento davvero interessante: creare una galleria d’arte… in un distributore automatico! The Vending

Attualità Estero 0 Commenti

UVENCO UK amplia il business nel Regno Unito

07-06-2017 – Uvenco, una delle maggiori imprese del Vending del Regno Unito, ha annunciato di aver rinnovato per altri 5 anni il contratto con l’ospedale Heart of England e di

0 Commenti

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a Commentare questo post!

Lascia un Commento

Registrati solo gli utenti possono commentare.