Nestlé cresce in Marocco ed investe nel caffè solubile

16-04-2018Nestlé è presente in Marocco con un suo stabilimento dal 1993 e in questi 25 anni ha già investito oltre 700 milioni di dirham (61,5 milioni di euro) nel Paese africano per ammodernare gli impianti, implementare nuove linee ed accrescere la produzione, soprattutto di caffè solubile.
Il segmento del caffè solubile rappresenta quasi il 35% del fatturato complessivo di Nestlé in Marocco (circa 88 milioni di euro all’anno) che nella fabbrica ubicata a El Jadida, 100 chilometri a sud di Casablanca, produce oltre 4.000 tonnellate di caffè solubile all’anno. Accanto alla produzione di caffè, quella di latte in polvere, ottenuto dalla lavorazione del latte fresco fornito dagli agricoltori locali e commercializzato col marchio Nida. Dal Marocco parte, inoltre, l’esportazione del caffè verso altri Paesi africani come Egitto, Libia, Algeria, Tunisia, Costa d’Avorio e Senegal.
Si comprende come Nestlé Maroc costituisca un’importante filiale per la multinazionale elvetica che ha deciso di continuare ad investirvi, avviando la produzione di un nuovo tipo di caffè solubile a marchio Nescafé Classic.

Nestlé

Nestlé

 

Precedente Da Ferrero la nuova Kinder Fetta allo Yogurt
Il prossimo A Roma il primo cluster di distributori automatici completamente cashless

Autore

Potrebbe piacerti anche

Attualità Estero 0 Commenti

UVENCO UK amplia il business nel Regno Unito

07-06-2017 – Uvenco, una delle maggiori imprese del Vending del Regno Unito, ha annunciato di aver rinnovato per altri 5 anni il contratto con l’ospedale Heart of England e di

Attualità Estero 0 Commenti

Ucraina. Se hai talento per la musica, il d.a. ti premia!

01-04-2016 – È improvvisamente apparso in una strada affollata di una città ucraina il particolare distributore automatico dotato di tastiera, una versione speciale del classico pianoforte. I passanti, attratti dalla

Attualità Estero 0 Commenti

Cina. Anche la Cina ha il suo d.a. di succo d’arancia fresco

30-09-2014 – Lo ha realizzato quasi per caso la Vingoo, una start up che è riuscita a realizzare il progetto grazie ad una raccolta fondi provenienti da investitori anonimi. Il

0 Commenti

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a Commentare questo post!

Lascia un Commento

Registrati solo gli utenti possono commentare.