La capsula di caffè continua a crescere

05-09-2013 – Molto interessante l’analisi del mercato del monoporzionato pubblicata oggi da Il Sole 24 Ore ed eseguita da IRI, agenzia specializzata in attività di supporto alla crescita e allo sviluppo innovativo di  aziende attive nel Largo Consumo.
L’analisi, che si riferisce alle vendite nella GDO di caffè monoporzionato nei primi 8 mesi del 2013, mette in evidenza due dati fondamentali: la crescita del 20% del fenomeno capsula e il calo delle vendite degli altri supporti e degli altri metodi utilizzati per preparare l’espresso, calo stimato tra il 2,5 e il 9%.
Insieme  a questi due dati fondamentali vanno considerati i numeri relativi alle vendite nella Grande Distribuzione, i quali  indicano chiaramente che il “fenomeno capsula” è legato all‘uso domestico e alla sempre più diffusa tendenza a sostituire anche in casa la classica moka con una macchina da caffè automatica.
Secondo i numeri rilevati da IRI, nei primi 8 mesi dell’anno sono state vendute nella gdo 85 milioni di capsule, con una crescita del 19,4% rispetto allo scorso anno, tendenza che lascia prevedere una chiusura delle vendite per il 2013 pari a  130.000 milioni di capsule contro i 114 milioni del 2012.
Ma quali sono le aziende che beneficiano di questo mercato in forte crescita? I nomi sono quelli dei maggiori player del settore. Il riferimento è a  Lavazza, Nespresso, Illy, Kimbo, aziende che hanno immediatamente compreso la potenzialità dei consumi domestici di caffè monoporzionato e vi hanno investito pur coscienti che l’abitudine degli italiani all’uso della classica moka sarebbe stata dura da combattere.
I mutati stili di vita e la familiarità con la “macchinetta” acquisita nell’ambiente di lavoro hanno favorito il passaggio dal vecchio al nuovo e permesso ai sistemi automatici di scalare velocemente la classifica delle vendite di caffè , in testa a tutti quello in capsula.
Lavazza e Nespresso, così come gli altri player, continuano ad investire innovando la gamma di miscele da proporre e realizzando nuove macchine sempre più innovative e tecnologicamente avanzate. Dietro di loro  torrefattori e produttori di macchine, giunti nel tempo  a proporsi ai consumatori, stanno conquistando piano piano la loro fetta di mercato.

Staremo a vedere se riusciranno ad imporsi e se le strategie che metteranno in atto saranno incentrate sulla qualità o sul prezzo.

Su questo argomento si potrebbe aprire un confronto, tenendo anche conto delle vendite on-line, del moltiplicarsi di cloni e della corsa al ribasso, fattori che rendono questo mercato più complesso di quanto traspaia dall’articolo.
Commenta l’articolo ed esprimi il tuo parere!

Clicca qui per leggere l’intero articolo de Il Sole 24 Ore

 

capsule

Per approfondire

Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

Condividi su: