Legge di Bilancio 2020. Confermato bonus partecipazione fiere estere

Nell’ottica dell’internazionalizzazione delle imprese, la Legge di Bilancio 2020 conferma il credito d’imposta di cui possono usufruire le Pmi per la partecipazione a fiere internazionali, già istituito nel 2019 ma mai attivato non avendo il MISE emesso il relativo decreto attuativo (entro 60 giorni dall’entrata in vigore).
Augurandoci che la disattenzione non si verifichi anche quest’anno, ricapitoliamo i termini che permettono di usufruire dell’agevolazione.

Possono godere del beneficio tutte le PMI esistenti alla data del 1° gennaio 2019 che potranno beneficiare per tutto il 2020 di un credito d’imposta nella misura del 30% delle spese di partecipazione alle manifestazioni fieristiche di settore. Il massimo fruibile, utilizzabile esclusivamente in compensazione, è di 60.000 euro (costi massimi ammissibili 200.000 euro).

Le spese su cui si può applicare l’agevolazione sono l’affitto e l’allestimento degli spazi espositivi; le attività pubblicitarie, di promozione e di comunicazione relative alla partecipazione agli eventi fieristici.
Le risorse destinate al credito d’imposta fiere ammontano a 10 milioni di euro e a 5 milioni di euro già previsti per il 2021 in caso di riconferma dell’agevolazione.

Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

Condividi su:
Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.