Nella Giornata Mondiale della Terra nasce la prima foresta Nespresso con Treedom

In occasione del 22 aprile, Giornata mondiale della Terra 2022Nespresso lancia la Foresta Nespresso, la prima di soli alberi di caffè, in collaborazione con Treedom, la piattaforma online italiana che consente di piantare alberi a distanza e seguire gli aggiornamenti sui progetti agroforestali di cui fanno parte. Un progetto nato per contribuire alla tutela dell’ambiente e al sostegno alle comunità locali nei tre Paesi che ospiteranno la Foresta Nespresso – Colombia, Guatemala ed Kenya-, grazie alla piantumazione dei primi 5.000 alberi di caffè da parte di Nespresso, con l’obiettivo di aggiungerne nel corso dell’anno altri 5.000, coinvolgendo i consumatori e creando la prima foresta di alberi di caffè insieme a Treedom, arrivando a quota 10.000 alberi entro il 2022. Gli alberi di caffè, inoltre, cresceranno in consociazione con altre specie che porteranno nel tempo una serie di benefici ambientali, sociali ed economici, e una capacità di assorbimento fino a 550.000 kg di CO²*.
Dal 19 aprile, grazie alla partecipazione dei clienti all’iniziativa “Nespresso per Treedom. Coffee for Good”, l’azienda destinerà infatti parte del ricavato per continuare a far crescere la foresta, sostenere le comunità locali e rendere il pianeta sempre più verde. Un progetto che consentirà ai consumatori di caffè Nespresso non solo di ricevere in omaggio un astuccio di Caffè Colombia, ma anche uno speciale QR Code che permetterà loro di sentirsi parte della grande foresta Nespresso, prendendo parte con il loro contributo alla sua crescita.

L’iniziativa con Treedom conferma inoltre, e dà vita, alla profonda convinzione di Nespresso, secondo cui la produzione di un caffè di qualità oltre a essere un’arte, possa farsi portatrice di cambiamenti positivi, a patto che ogni dettaglio e fase del processo vengano gestiti con la massima cura e attenzione.

Grazie alla Foresta Nespresso, le aree interessate usufruiranno dei molti benefici che piantare alberi in sistemi agroforestali è in grado di apportare: dal sostegno alla riforestazione, al miglioramento della qualità dell’aria, attraverso la produzione di ossigeno e l’assorbimento di CO2 di cui le piante sono capaci, fino al contributo per abbassare le temperature.
Inoltre, le piante di caffè saranno in grado di trattenere l’umidità nel terreno favorendo la crescita delle colture, contrastare la desertificazione e proteggere la biodiversità offrendo riparo e nutrimento a diverse specie vegetali e animali, rendendo anche le colture più resilienti dagli eventi climatici estremi, sempre più frequenti. Quello di Nespresso e Treedom è un progetto che ha però l’ambizione di avere un impatto positivo non solo sull’ambiente, ma anche sulle persone che lo abitano. Tutte le piante di caffè, infatti, rimarranno di proprietà dei coltivatori coinvolti che, grazie alla collaborazione dei team di Treedom, riceveranno una formazione specifica e assistenza per prendersene cura nei loro primi anni di vita e acquisire le competenze necessarie alla loro corretta coltura e gestione, guadagnando così un’opportunità di reddito in più e la possibilità di trasferire professionalità all’interno della comunità. Un processo virtuoso di crescita che vede così il sostegno al tessuto economico locale e alla microimprenditorialità, e che può creare ricadute positive anche dal punto di vista sociale.

Per conoscere l’iniziativa “Nespresso per Treedom”: Nespresso for Treedom | Coffe for Good


 *stime relative all’assorbimento calcolate da Treedom sulla base di elaborazioni da database GlobAllomeTree. La capacità è stimata in 10 anni di vita degli alberi.
Per maggiori informazioni 
www.treedom.net/it

Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

Condividi su: