Nescafé: terzo su 100 megabrands per velocità di crescita

19-03-2019 – Nescafé, principale marchio di caffè al mondo, scala la classifica realizzata da Euromonitor fra 100 megabrands al mondo, raggiungendo il terzo posto.

Euromonitor International, società di ricerche di mercato a livello mondiale, ha stilato la classifica dei principali 100 marchi di beni di consumo in base al valore di vendita al dettaglio nel 2017. Se i primi due posti appartengono ai due colossi in eterna lotta, Pepsi e Coca-Cola, Nescafé si installa al terzo posto nella classifica generale e al primo nella categoria di bevande calde.

Secondo i dati riportati da Euromonitor, il valore delle vendite al dettagli di Nescafé si attesta fra i 10 e i 15 miliardi di dollari. Il mercato Asia-Pacifico rappresenta un terzo del suo mercato e il Giappone rappresenta uno dei maggiori destinatari di vendita delle bevande Nescafé, soprattutto per lo stile di vita dei consumatori: grande richiesta di caffè istantaneo in diversi formati di confezionamento (dal barattolo di vetro alla bustina, passando per la cartuccia di ricarica).

Il marchio Nescafé è attualmente venduto in 190 paesi. Controllato dalla Nestlé, è stato lanciato 80 anni fa quando nel 1929, dopo il crollo di Wall Street e il deprezzamento del caffè, Nestlé si ritrovò con i magazzini pieni di caffè invenduto. Fu proposto allora di trasformare quel prodotto in caffè solubile e dopo poco più di tre anni di ricerche e sperimentazioni il processo di produzione fu implementato. Nel 1938 veniva lanciato in Svizzera Nescafé.

Precedente Manifestazione d'interesse IP "S. Pertini" di Trento
Il prossimo Panafè annuncia l'arrivo della nuova Alpha

Autore

Potrebbe piacerti anche

Aziende 0 Commenti

Mokarabia pronta ad aprire un nuovo mercato in Cina

04-07-2017 – In occasione della partecipazione alla fiera che si è svolta in Cina “Cafe Expo Shanghai 2017”, Mokarabia ha stretto un accordo significativo che le consentirà di ampliare la

Aziende 0 Commenti

Amazon sperimenta il vending

14-01-2014 – Dopo aver sperimentato la vendita dei propri prodotti attraverso negozi tradizionali aperti in alcuni centri commerciali statunitensi, Amazon tenta un nuovo canale: il distributore automatico. L’idea di cogliere

Aziende 0 Commenti

I dipendenti della Sangemini reclamano la nuova proprietà

15-11-2013 – Giornata di sciopero oggi alla Sangemini, che fa seguito all’assemblea tenutasi ieri, in cui è emerso in maniera ancora più evidente il timore della dichiarazione di  fallimento dell’Azienda.

0 Commenti

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a Commentare questo post!

Lascia un Commento

Registrati solo gli utenti possono commentare.