Non tassate le bibite ma le merendine! Lo dice uno studio britannico

17-09-2019 – Secondo il National Diet and Nutrition Survey, uno studio eseguito nel Regno Unito e pubblicato sul British Medical Journal, per ottenere i migliori risultati nella lotta all’obesità non vanno tassate le bibite zuccherate e gassate, ma le merendine.
La ricerca, condotta su un panel di 2.544 adulti e considerando gli acquisti di alimenti di 36.324 famiglie britanniche, ha dimostrato che, considerando un aumento del prezzo del 20%, la tassa sulle bevande zuccherate porta a una minore perdita di peso (203 grammi/anno) rispetto a quella sulle merendine (1,3 Kg/anno).
Ciò accade perché le bevande zuccherate forniscono all’organismo solo il 2% di energia totale e l’11% dell’apporto di zucchero; gli snack dolci, invece, forniscono il 12% dell’energia totale e il 26% dell’apporto di zucchero.
È quindi la composizione del prodotto, sia esso bevanda o merenda spezzafame, a fare la differenza!

Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

Condividi su: