Report. Caffè: il buono, il rancido e il ginseng

04-06-2019 – È andata finalmente in onda la tanto attesa (e temuta) puntata della trasmissione di RAI 3 Report in cui si è tornato a parlare della qualità del caffè che beviamo al bar.
Nel servizio di Bernardo Iovene, Andrej Godina, dottore in scienza del caffè e assaggiatore esperto, ripercorre più o meno le stesse tappe della volta precedente, insistendo su Napoli e su alcune caffetterie storiche della città. Il suo giudizio sui caffè, assaggiati in quella che viene considerata la patria dell’espresso tradizionale, è rimasto sostanzialmente invariato con qualche leggero miglioramento che non basta a promuovere a pieni voti i bar presi a campione.
Poco cambia anche in altre città italiane, a meno che non si tratti di locali particolari dove il piacere di un buon caffè si sposa perfettamente con la cultura del caffè e con tecniche di estrazione codificate: origini di alta qualità, un grado di torrefazione che non brucia il chicco, che lo rispetta e ne tira fuori tutti gli aromi; un esperto barista alla macchina, pulita e “spurgata” ad ogni erogazione in tazza. Analisi di questo tipo, non sempre gradite dagli addetti ai lavori, non possono che spingere a migliorare la qualità dell’espresso, considerato globalmente un simbolo del nostro Paese.

E il Vending? Riteniamo che un servizio come quello andato in onda ieri sera non sia il contesto giusto in cui inquadrare il caffè erogato dai distributori automatici: i parametri presi in esame per giudicare il caffè del bar sono per lo più inapplicabili a quello delle “macchinette”. Tra essi il primo parametro da considerare è il prezzo “imposto” dal canale che penalizza la qualità, al di là degli sforzi che il gestore possa fare per avere macchine sempre efficienti, pulite, e continuamente mantenute. All’assaggio il caffè del distributore automatico sa di “muffa, di bruciato e di pezza bagnata, è legnoso e rancido“, tanto da meritarsi un triste due e mezzo. Si può migliorare? Certamente sì, se il gestore mette più attenzione a tutta la filiera che sta dietro all’erogazione del suo caffè e se il consumatore è disposto a riconoscere il giusto prezzo per un caffè qualitativamente superiore. Anche se bevuto alla macchinetta.

Per vedere o rivedere il servizio di Report sul caffè, clicca sull’immagine (dal minuto 13)

Report

Precedente Nestlé investe in Brasile più di 400 milioni di reis in prodotti salutari
Il prossimo Atti vandalici: sotto attacco la filiale di Cagliari di IVS Italia

Autore

Potrebbe piacerti anche

Caffè 0 Commenti

Focus sul mercato del caffè de Il Sole 24 Ore

21-10-2015 – È stato pubblicato su Il Sole 24 Ore, nella sezione dedicata ai Mestieri del Cibo, un interessante approfondimento sul mercato del caffè mondiale con un occhio più attento

Caffè 0 Commenti

SCAE e SCAA ad un passo dall’unificazione

31-05-2016 – L’ipotesi di unificare la SCAE (Specialty Coffee Association of Europe) e la SCAA (Specialty Coffee Association of America) in un’unica entità risale al 2013, quando dagli incontri tra

Caffè 0 Commenti

A EXPO la sfilata del caffè (Video)

09-10-2015 – Il Cluster del caffè organizzato da illy racconta presente, passato e futuro della bevanda nelle sue 3 dimensioni essenziali: – il prodotto e il suo percorso dal chicco

0 Commenti

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a Commentare questo post!

Lascia un Commento

Registrati solo gli utenti possono commentare.