Un sito archeologico nella “Nuvola” di Lavazza

08-08-2014 – Nel corso dei lavori per la costruzione di Nuvola, il nuovo centro direzionale di Lavazza, è stata fatta un’importante scoperta archeologica, di cui abbiamo parlato in questa News del 3 gennaio scorso.
L’importanza storico-culturale del sito paleocristiano rinvenuto durante gli scavi ha obbligo l’Azienda a rivedere il progetto al fine di conservare l’area e renderla disponibile ai visitatori. In contatto con la Sovrintendenza ai Beni Archeologici, la direzione Lavazza ha trovato una soluzione che riporterà alla luce l’area archeologica, apportando modifiche che nulla tolgono al progetto Nuvola originario.
In accordo col Comune di Torino e la direzione regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici, infatti, l’area destinata a parcheggio verrà realizzata in altro punto, in modo da rispettare l’importante ritrovamento, un’antica basilica di origine paleocristiana del IV-V secolo, parte di una necropoli, che secondo gli archeologici potrebbe essere la chiesa di San Secondo Martire.

Nuvola-Verde-Lavazza

Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

Condividi su: