Acqua San Benedetto pianta 6000 alberi a Scorzè

17-11-2017Acqua Minerale San Benedetto ha presentato ieri in conferenza stampa il progetto di sostenibilità “Nasce la Foresta San Benedetto” un polmone verde di 8 ettari e 6.000 alberi realizzato nel Comune di Scorzè (Venezia) in collaborazione con Treedom (www.treedom.net). Un’iniziativa unica nel suo genere e prima nella storia dell’Azienda, che mira a sottolineare ancora una volta il suo impegno verso le tematiche del rispetto e della tutela del territorio e dell’ambiente.
Pioppo, Salice Bianco, Olmo, Ontano Nero, Carpino, Quercia, Acero e Frassino, queste le specie arboree tipiche del bosco della pianura padana presenti nella Foresta San Benedetto che, secondo le stime elaborate da Treedom, nel loro ciclo di vita permetteranno di assorbire ben 1.105.000 kg di CO2. Il progetto di sostenibilità consentirà inoltre di ricostituire l’intero habitat naturale grazie ad arbusti e specie tipiche dell’ecosistema umido della pianura veneta.
Per questa iniziativa green San Benedetto ha scelto come partner l’azienda fiorentina Treedom, la piattaforma web che permette a persone e aziende di piantare un albero a distanza e seguirlo online.
Ogni pianta della Foresta San Benedetto, conformemente con la metodologia Treedom, viene geolocalizzata e fotografata. Tutti i consumatori che hanno partecipato al contest “Nasce la foresta San Benedetto” – legata alla referenza 1 L Easy –  e ottenuto il codice di accesso ora potranno vivere l’esperienza di seguire virtualmente la crescita degli alberi della Foresta.
Contestualmente alla presentazione del progetto “Nasce la Foresta San Benedetto”, sono stati anche resi noti i dati che l’Azienda Veneta ha ottenuto in ottica di riduzione del suo impatto ambientale. Nel periodo 2013-2016, sono state ridotte le emissioni di CO2 equivalenti del 17,5% sui prodotti “progetto ecogreen” imbottigliati negli stabilimenti di Scorzè e Viggianello (dati su base litro).
Un altro traguardo raggiunto è l’utilizzo dell’impianto di trigenerazione nello stabilimento di Scorzè che permette di ridurre ogni anno i costi energetici dello stabilimento del 20% e di abbassare le emissioni di CO2.
Nelle politiche ambientali di San Benedetto rientra anche la scelta di delocalizzare la produzione negli stabilimenti presenti in Italia, per avvicinare l’azienda ai consumatori e alla distribuzione. Attraverso il “progetto network”, un programma pensato per valorizzare le reti di acque locali di alta qualità in tutto il territorio nazionale, il Gruppo ha ottenuto una maggiore flessibilità produttiva, logistica e lo sviluppo del km 0,  riducendo l’incidenza dei trasporti.

San Benedetto

San Benedetto

 

Precedente Distributore automatico di peluche con sorpresa!
Il prossimo Possono le imprese private sopperire alle carenze del pubblico?

Autore

Potrebbe piacerti anche

Aziende 0 Commenti

No al progetto degli ex Perugina. Nestlè apre a nuove proposte

18-12-2017 – L’idea degli ex dipendenti della Perugina di formare una cooperativa e di rimettere in produzione cioccolatini storici del marchio, in modo da intensificare l’attività del sito di San

Aziende 0 Commenti

Mars acquisisce in USA e amplia la gamma salutare

13-12-2017 – Con l’obiettivo di arricchire il portafoglio prodotti con snack salutari, rispondenti all’attuale trend del mercato globale, Mars ha acquisito in USA una quota di minoranza della Kind, specializzata

Aziende 0 Commenti

Crescita straordinaria per Ferrero con un fatturato che supera i 10 miliardi

04-04-2018 – L’esercizio che si è chiuso al 31 agosto 2017, approvato il 28 febbraio scorso dal Consiglio d’Amministrazione di Ferrero International S.A., capogruppo con sede in Lussemburgo, e da pochi giorni

0 Commenti

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a Commentare questo post!

Lascia un Commento

Registrati solo gli utenti possono commentare.