Caffè: calano le scorte ma aumentano i consumi

20-07-2016 – Un recente articolo del Sole 24 Ore mette in luce quanto il mercato del caffè debba prestare attenzione alla diminuzione delle scorte di materia prima, e di conseguenza allo svuotamento dei magazzini, in virtù invece dei consumi globali in forte crescita
I chicchi di caffè di robusta e arabica, almeno fino al prossimo raccolto, rischiano di scarseggiare facendo così mantenere i prezzi in tensione. Infatti, per quanto riguarda la prima varietà il 14 luglio a Londra valeva 1.842$/tonnellata, mentre sulla piazza di New York il caffè arabica, il più pregiato ma anche il più impiegato nell’espresso all’italiana, ha chiuso a 1, 5215 $/libbra, dopo essersi apprezzato di oltre il 20% da inizio maggio, mentre robusta nello stesso periodo di riferimento è rincarato di circa il 9%.
Secondo la testata economica sembrerebbe  che la causa di ciò sia stata l’eccessiva siccità che ha colpito le maggiori aree di produzione di caffè al mondo, a partite dal Vietnam, facendo così ridurre drasticamente l’offerta in un mercato in cui la domanda sembra non arrestarsi mai, anzi raggiunge quote sempre più elevate (articolo integrale qui).

Caffè
Caffè

Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

Condividi su: