Cialde di caffè “Zu Totò” (Riina). Sarà vero?

06-12-2017 – Starebbe prendendo forma un’idea imprenditoriale di Maria Concetta Riina, figlia del capomafia Totò Riina da poco deceduto, e di suo marito Antonio Ciavarello che vorrebbero fare il loro ingresso nel mondo del caffè, lanciando una linea di cialde dedicata al boss. “Zu Totò” sarebbe il nuovo brand, il cui arrivo è stato annunciato da Maria Concetta e da suo marito attraverso un post sulla loro pagina Facebook, poi rimosso.
La breve apparizione del post è stata sufficiente per scatenare il web dove la notizia ha avuto ampia eco suscitando, come immaginabile, anche molte polemiche.
Stando alle affermazioni della figlia di Riina riportate dalla cronaca, l’idea imprenditoriale sarebbe nata dalla necessità di trovare una fonte di reddito, dal momento che i beni della famiglia sono stati sequestrati e il marito Antonio, condannato a scontare ai domiciliari 6 mesi di carcere per una truffa risalente agli anni in cui viveva in Sicilia, non lavora.
La coppia con i loro tre figli, vive oggi in provincia di Brindisi, all’indirizzo riportato sul sito di e-commerce dove i neo imprenditori del caffè avevano intenzione di raccogliere gli ordini (la pagina non è attiva) e sul sito di crowdfounding, dove starebbero raccogliendo finanziamenti per intraprendere l’attività.
Gli investigatori hanno avviato le necessarie indagini per fare chiarezza sulla vicenda.

Maria Concetta Riina

Maria Concetta Riina

Precedente HorecaTv.it Intervista a Host con S. Lusetti di Foodness
Il prossimo Bauli vincitore assoluto del premio "Di Padre in Figlio"

Autore

Potrebbe piacerti anche

Cronaca Italia 0 Commenti

La Guardia di Finanza mette i sigilli a 170 d.a.

11-11-2016 – Un’indagine condotta  dal Nucleo di Polizia Tributaria di Torino e coordinata dal Sostituto Procuratore della Procura della Repubblica di Torino ha davo avvio ad un’operazione della Guardia di

Cronaca Italia 0 Commenti

Nel centro storico apre uno Shop 24 e scoppia la protesta

10-01-2017 – Protesta l’amministrazione comunale e protesta parte della cittadinanza per lo Shop 24 aperto nel centro storico di Chiavenna, in provincia di Sondrio, dalla società Fast Trade di Ferrara,

Il distributore automatico resta anche se vìola il contratto

16-01-2015 – Particolare decisione del Tar di Brescia – sezione 1 – che con la sentenza n° 1 del 7 gennaio 2015 ha stabilito la continuazione del servizio di ristoro

0 Commenti

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a Commentare questo post!

Lascia un Commento

Registrati solo gli utenti possono commentare.