Dal programma Reviving Origins di Nespresso nasce “KAHAWA ya CONGO”, Speranza del Congo

Nespresso lancia KAHAWA ya CONGO, Speranza del Congo, un caffè biologico dolce e fruttato nato grazie al programma Reviving Origins, che mira a rilanciare la produzione di caffè in regioni colpite da avversità come cambiamenti climatici e conflitti.
Un nuovo caffè, per la prima volta nella gamma Reviving Origins, con un obiettivo importante: supportare la produzione di caffè e sostenere le comunità locali con aiuti concreti in grado di migliorare la vita delle persone nella Repubblica Democratica del Congo.
Il primo caffè mono-origine biologico del programma Reviving Origins, KAHAWA ya CONGO, proviene dalla regione del Lago Kivu, dove la comunità di coltivatori di caffè, un tempo florida, è stata devastata da decenni di instabilità politica ed economica.


FAR RIVIVERE IL CAFFÈ E LE COMUNITÀ NEL KIVU


Nel Kivu, decenni di conflitto hanno portato molti coltivatori a fuggire dalle loro case, e la regione continua ad affrontare importanti sfide economiche e sanitarie. Oggi, il 58% delle famiglie nella Repubblica Democratica del Congo non ha accesso a sorgenti di acqua pulita e il 15% dei bambini non raggiunge il 5° compleanno, a causa di malattie prevenibili e curabili come infezioni respiratorie acute o legate al consumo di acqua sporca e malaria. In collaborazione con l’Eastern Congo Initiative (ECI), Nespresso sta investendo 1 milione di CHF per sostenere la creazione di 23 punti di accesso all’acqua in tutta la regione, oltre a una clinica primaria e cinque cliniche sanitarie itineranti, che forniranno 13.000 consulenze sanitarie all’anno alle comunità locali, aiutando anche nella lotta contro il colera, uno dei principali problemi sanitari del Paese.

L’introduzione del programma in Congo sta anche aiutando a combattere le disuguaglianze di genere nella coltivazione del caffè, sostenendo una maggiore prosperità per donne e uomini.

Lanciato nel 2019, il programma Reviving Origins ha consentito la produzione di caffè di ottima qualità provenienti da alcune aree dello Zimbabwe, dell’Uganda, della Colombia e, da oggi, dalla Repubblica Democratica del Congo. Si tratta di caffè stagionali disponibili solo in volumi limitati per dare a queste comunità la possibilità di continuare a ricostruire le loro economie del caffè, aumentando, anno dopo anno, la quantità di caffè che arriva da ogni regione, aiutando i coltivatori ad aumentare la produttività e la qualità del proprio caffè. Esempio concreto di come il caffè possa diventare una forza eccezionale per fare del bene e generare un impatto positivo nei confronti dei coltivatori e delle loro comunità, il programma Reviving Origins ha dato vita in pochi anni ad alcuni tra i migliori caffè provenienti da ogni parte del mondo, prendendosi cura, al contempo, delle persone che con passione contribuiscono tutti i giorni a crearli.

Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

Condividi su: