EY Future Consumer Index. Il valore della sostenibilità nelle scelte dei consumatori

Secondo uno studio condotto da EY – EY Future Consumer Index – su oltre 14mila cittadini in tutto il mondo, di cui 500 in Italia, il comportamento d’acquisto dei consumatori è cambiato sotto l’effetto della pandemia: si spende meno in beni non essenziali, si visitano più raramente i negozi fisici; si supporta maggiormente il business locale; si pone grande attenzione alla sostenibilità dei prodotti.
In Italia, in particolare, il 43% dei consumatori è convinto che la pandemia continuerà ad avere un impatto sulle nostre vite per almeno altri 12 mesi, finché la maggior parte della popolazione non sarà vaccinata (30%).
Tuttavia, la crisi sanitaria fa meno paura rispetto al passato, mentre a preoccupare sono soprattutto le condizioni economiche dell’Italia (69%), il rischio di vedersi privati della libertà di godersi la vita (49%), e la salute della famiglia (47%).
Sostenibilità è inoltre la parola chiave che emerge dalla survey. La gran parte dei consumatori italiani afferma infatti di prestare sempre più attenzione all’impatto ambientale (74%) e sociale (66%) di ciò che acquista, con un occhio di riguardo al cambiamento climatico (65%), e di riciclare prodotti o imballaggi dopo il primo utilizzo (85%). Tuttavia, il prezzo resta ancora il principale driver che guida le scelte di consumo per la maggior parte dei settori merceologici.
I consumatori, pur avendo preso coscienza dell’importanza della sostenibilità, traducono solo in parte questa consapevolezza in azioni ad alto impatto sull’ambiente.
È da parte delle imprese che gli italiani si attendono gli sforzi maggiori per favorire un consumo più etico. In particolare, il 72% degli intervistati sostiene che le aziende devono proporsi come leader nel guidare le azioni positive verso l’ambiente e la società. Dalle aziende ci si aspetta infatti un comportamento etico verso i lavoratori e la comunità (84%), una produzione sostenibile (82%) e la scelta di fornitori con alti standard di sostenibilità (85%).

La gran parte dei cittadini sarebbe infatti disposta perfino a pagare un premium se il prodotto riflettesse meglio i suoi desideri, in particolare l’alta qualità (48%), i prodotti nazionali (42%), o i prodotti che promuovono la salute (36%) e la sostenibilità (30%).

Come possono le aziende rispondere a questi bisogni sempre più eterogenei?
Da un lato condividendo meglio il concetto di sostenibilità e concentrandosi maggiormente su impatti sociali e ambientali che siano realmente raggiungibili, dall’altro agendo sugli impatti che realmente contano. Una quota crescente di consumatori vuole infatti acquistare in modo sostenibile, ma ha bisogno che le aziende lo rendano possibile.

 

Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

Condividi su: