In oltre 2.000 distributori automatici in Australia e Nuova Zelanda si acquista una Coca Cola con bitcoin

Coca-Cola Amatil, il maggior imbottigliatore del mercato Asia-Pacifico, ha stretto una partnership con Centrapay per integrare bitcoin come opzione di pagamento per acquistare prodotti dai suoi distributori automatici in Australia e Nuova Zelanda.


La rete di oltre 2.000 distributori automatici di Coca-Cola Amatil in Australia e Nuova Zelanda consentirà ai consumatori di spendere le loro criptovalute utilizzando le fotocamere degli smartphone per scansionare un adesivo di pagamento con codice QR, a condizione che abbiano installato Sylo Smart Wallet, un’applicazione decentralizzata che integra i servizi di messaggistica con un portafoglio digitale, che annovera anche le principali monete digitali.

Dopo la pandemia, la necessità di utilizzare pagamenti senza contanti è più sentita e il CEO di Centrapay, Jerome Faury, ha sottolineato una maggiore consapevolezza dei consumatori rispetto alla necessità di ridurre i contatti fisici nei punti vendita a causa della crisi globale della sanità pubblica COVID-19.

Sebbene l’acquisto di una Coca Cola con bitcoin possa sembrare accattivante, l’obiettivo principale di Sylo non è il bitcoin come forma di pagamento, ma l’idea di collegare la criptovaluta al mondo reale e utilizzare l’architettura di questo processo per distribuire le risorse digitali come strumenti di pagamento in senso lato.

Secondo Jerome Faury, l’iniziativa ha già dimostrato che può funzionare in Australia e Nuova Zelanda e ora guarda al mercato americano dove intende apportare alcune innovazioni: “Vediamo come va questa corsa iniziale. Le persone lo stanno testando ora. Se procede senza intoppi, possiamo implementarlo abbastanza rapidamente.

Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

Condividi su: