La pausa caffè al lavoro è un antistress

16-09-2013 – Lo conferma un ulteriore studio condotto dai ricercatori dell’Università di Copenaghen e pubblicato sulla rivista sociologica Symbolic Interaction.
Non è una novità dal momento che lo aveva già affermato uno studio di psicologia dell’Università di New York, secondo il quale la pausa caffè nell’arco della giornata lavorativa restituisce al personale la carica e le energie necessarie a una migliore resa produttiva e a una maggiore resistenza nel tempo. Per questo motivo molti datori di lavoro sono propensi a mettere a disposizione dei dipendenti macchine per il caffè anche quando la spesa ricade totalmente sull’azienda.
Lo studio svolto dall’Università danese stabilisce che la macchinetta del caffè svolge una funzione terapeutica, dal momento che il raggrupparsi attorno ad essa stimola la socializzazione e allenta le tensioni, restituendo ai lavoratori la grinta necessaria per affrontare la giornata.
E dire che si verificano casi in cui i datori di lavoro fanno ritirare i distributori automatici o, nel migliore dei casi, vietano la pausa caffé a gruppi proprio per impedire ai dipendenti di intrattenersi a scambiare quattro chiacchiere.

pausa-caffe

 

Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

Condividi su: