Reato. Soldi pubblici per comprare caffè e bibite ai distributori

reato14-02-2019 – Un’operazione condotta dai finanzieri della Compagnia di Tarquinia ha portato alla scoperta di un reato contro la pubblica amministrazione da parte di due società partecipate del Comune di Montalto di Castro, in provincia di Viterbo.
Secondo quanto scoperto dagli investigatori, attraverso numerose testimonianze e l’esame dei documenti, a partire dal 2012 i fondi delle due società erano stati utilizzati per fini personali dagli indagati, ovvero per l’acquisto di beni e “servizi” non legati all’attività delle due strutture, che si occupavano di gestire il parco naturalistico e archeologico di Vulci.
Nella lista della spesa olio extravergine d’oliva, funerali, soggiorni in alberghi, pranzi e cene. L’uso più curioso di tali fondi sarebbe l’acquisto di bibite e caffè ai distributori automatici di cui le strutture disponevano.
A conclusione della prima fase dell’accertamento, il  Gip del Tribunale Ordinario di Civitavecchia ha disposto il sequestro preventivo di beni patrimoniali, conti correnti e polizze assicurative per un totale complessivo di oltre 182.000 euro.

Precedente Caffè Barbaro e Didiesse insieme per le donne
Il prossimo Dopo la cucina, arriva il caffè molecolare... senza caffè

Autore

Potrebbe piacerti anche

Attualità Italia 0 Commenti

Un’idea vending al 2° posto del Dr. Start-upper 2015

13-04-2015 – Dr. Start-upper è un programma per lo sviluppo di idee imprenditoriali dedicato agli studenti post-graduate dell’Università Cattolica. L’edizione 2015, vinta da André Ndereyimana, 33enne originario del Burundi che ha ideato

Attualità Italia 0 Commenti

Anche il Comune di Bordighera aderisce al Plastic Free Challenge

28-11-2018 – È stata appena firmata dal sindaco di Bordighera, in provincia di Imperia, l’ordinanza che impone a commercianti, associazioni ed enti, nonché alla stessa amministrazione comunale, il divieto di

Attualità Italia 0 Commenti

Buste minatorie. Gli esperti confermano: è oleandrina

02-09-2019 – Nei primi giorni di agosto è arrivata la conferma della Polizia Scientifica di Torino: è effettivamente oleandrina, la polvere contenuta nelle buste minatoria che, tra aprile e maggio

0 Commenti

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a Commentare questo post!

Lascia un Commento

Registrati solo gli utenti possono commentare.