Reato. Soldi pubblici per comprare caffè e bibite ai distributori

reato14-02-2019 – Un’operazione condotta dai finanzieri della Compagnia di Tarquinia ha portato alla scoperta di un reato contro la pubblica amministrazione da parte di due società partecipate del Comune di Montalto di Castro, in provincia di Viterbo.
Secondo quanto scoperto dagli investigatori, attraverso numerose testimonianze e l’esame dei documenti, a partire dal 2012 i fondi delle due società erano stati utilizzati per fini personali dagli indagati, ovvero per l’acquisto di beni e “servizi” non legati all’attività delle due strutture, che si occupavano di gestire il parco naturalistico e archeologico di Vulci.
Nella lista della spesa olio extravergine d’oliva, funerali, soggiorni in alberghi, pranzi e cene. L’uso più curioso di tali fondi sarebbe l’acquisto di bibite e caffè ai distributori automatici di cui le strutture disponevano.
A conclusione della prima fase dell’accertamento, il  Gip del Tribunale Ordinario di Civitavecchia ha disposto il sequestro preventivo di beni patrimoniali, conti correnti e polizze assicurative per un totale complessivo di oltre 182.000 euro.

Precedente Caffè Barbaro e Didiesse insieme per le donne
Il prossimo Dopo la cucina, arriva il caffè molecolare... senza caffè

Autore

Potrebbe piacerti anche

Attualità Italia 0 Commenti

Attenti agli snack caricati nei d.a.: che siano vendibili singolarmente!

14-11-2018 – È un obbligo di legge e non un semplice dettaglio: le confezioni singole (monoporzioni) devono riportare sul packaging tutte le informazioni richieste dalla normativa e, pertanto, devono essere

Attualità Italia 0 Commenti

In 24 ore presi i ladri dei d.a. di Mastria Vending

23-09-2014 – Con tutta probabilità l’allarme lanciato qualche giorno fa da Renato Mastria, titolare della Mastria Vending, ha avuto il suo effetto. Sarebbe stato meglio se avesse funzionato da deterrente

Attualità Italia 0 Commenti

Acqua Santa Croce avvia la mobilità

08-09-2016 – Nell’immediato, si conclude con esito negativo il lungo tira e molla tra l’azienda abruzzese Acqua Santa Croce e la Regione Abruzzo che, a quanto pare, sembra decisa a

0 Commenti

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a Commentare questo post!

Lascia un Commento

Registrati solo gli utenti possono commentare.