Su Change.org una petizione per gli eco compattatori accanto ai d.a.

22-10-2019 – Su Change.org è stata lanciata una petizione per raccogliere firme, affinché venga introdotto l’obbligo di posizionare eco compattatori accanto ai distributori automatici, ovunque essi vengano collocati.
L’iniziativa è di Matteo Lanfaloni ed è stata diretta al Ministro per l’Ambiente Costa, al Ministro dello Sviluppo Economico Patuanelli e al Governo tutto.
Per una volta, gli imballaggi non vengono demonizzati ma, essendo ritenuti indispensabili, viene suggerito il miglior sistema che incentivi i consumatori a non disperderli nell’ambiente, una volta che siano stati prelevati al distributore automatico.

La petizione lanciata da Matteo Lanfaloni recita:
Consapevole del fatto che sarebbe meglio ridurre a monte i rifiuti, ma sapendo anche che ciò non è fattibile facilmente e in tempi brevi per tutti i prodotti, perché non prevedere la presenza obbligatoria di eco-compattatori a fianco ad ogni distributore automatico?
Per incentivare i cittadini ad usarli, basta applicare un piccolo sovrapprezzo per l’acquisto dell’imballaggio che poi viene rimborsato totalmente al momento del conferimento dell’imballaggio in questi eco-compattatori. Si tratta insomma di applicare in maniera capillare il principio del vuoto a rendere già presente in alcune realtà italiane.
In questo modo la quasi totalità delle confezioni verrebbe riciclata, ottenendo del materiale ben selezionato e pertanto di maggior valore. Meno rifiuti quindi da dover smaltire in discarica o negli inceneritori (quindi un costo minore per i comuni), meno rifiuti dispersi nell’ambiente e più consapevolezza da parte dei cittadini dei benefici del riciclo.”

Anche in questo caso, si tratterebbe di un sistema incentivante, ma al posto del bonus erogato dall’eco compattatore, in questo caso il consumatore paga a monte un sovraprezzo che gli viene restituito quando conferisce il rifiuto.
In qualsiasi modo si voglia interpretare il sistema dell’incentivo, quel che conta è che si convenga sul fatto che sta al consumatore la responsabilità del rifiuto, alla sua buona educazione, al suo impegno verso l’ambiente. E che si convenga sulla necessità di avere a portata di mano, ovvero accanto ai distributori automatici, i contenitori idonei alla corretta raccolta differenziata. Solo così il rifiuto può diventare una risorsa e questo il Vending lo sa bene.

Precedente Nescafé Dolce Gusto lancia le nuove capsule al Ginseng
Il prossimo Il 10° Rapporto di Responsabilità Sociale del Gruppo Ferrero punta alla Sostenibilità

Autore

Potrebbe piacerti anche

Attualità Italia 0 Commenti

Gruppo Illiria ha dato il suo contributo a pordenonelegge.it

24-09-2019 – pordenonelegge.it è la Festa del Libro con gli autori del Nord Est d’Italia, nata nel 2000 per volontà dell’allora presidente della Camera di Commercio di Pordenone, Augusto Antonucci, con

Attualità Italia 0 Commenti

Principio d’incendio a un distributore automatico

12-12-2013 – Per fortuna nessuna conseguenza per un principio d’incendio verificatosi in una scuola elementare della provincia di Perugia. Pare che a causare l’evento sia stato un corto circuito a

Attualità Italia 0 Commenti

Chiude il sito di Pomezia della Sammontana

14-11-2019 – La chiusura del sito di Pomezia della Sammontana era stata annunciata già da tempo e rappresenta l’epilogo di una crisi apertasi la scorsa primavera e che nessun intervento

0 Commenti

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a Commentare questo post!

Lascia un Commento

Registrati solo gli utenti possono commentare.