“Caffè senza tracce”. Una ricerca della Bicocca per dare nuova vita alle capsule

12-03-2019 – Un gruppo di giovani ricercatori dell’Università Bicocca di Milano ha avviato il progetto “Caffè senza tracce” finalizzato ad individuare un sistema di raccolta e lavorazione delle capsule di caffè esauste, affinché i fondi vengano riutilizzati. Non solo: la ricerca intende portare avanti anche uno studio sulle capsule di plastica e sulle macchine in cui vengono utilizzate per l’erogazione del caffè, per stabilire se nanoparticelle di plastica possano passare dalla capsula alla bevanda a causa delle alte temperature a cui viene sottoposta.
L’idea è nata dall’esperienza personale degli stessi ricercatori, 11 tra biologi, scienziati ambientali e sociologi, che si erano resi conto dell’enorme quantità di capsule, da loro stessi utilizzate nella pausa caffè, che finivano nei rifiuti: ben 5.000 capsule all’anno. Su questa constatazione è stato avviato il progetto “Caffè senza tracce”, diventato una start up sulla piattaforma di crowdfunding Produzioni dal Basso, dove sono stati finora raccolti 2.500 euro a fronte dei 7.500 necessari per far partire la ricerca.
Tra gli obiettivi vi è l’installazione di particolari contenitori nei punti di consumo del caffè, dove raccogliere esclusivamente le capsule esauste. Queste verrebbero lavorate attraverso un macchinario, messo a disposizione dall’azienda White Star, che consentirà di differenziare i rifiuti in modo sostenibile. I fondi recuperati, grazie alla partnership del Parco Nord Milano, verranno utilizzati come compost nell’Orto Comune Niguarda, mentre gli involucri di plastica verranno analizzati in laboratorio per individuare gli eventuali effetti nocivi sulla salute.

Come si può notare, si moltiplicano le iniziative attorno al problema dello smaltimento e del recupero delle capsule di caffè, nella speranza di arrivare ad una soluzione concreta nella direzione della sostenibilità.

caffè

Precedente Assegnati i premi Quality Award 2019
Il prossimo ERP Italia. I dati di RAEE e RPA raccolti e trattati nel 2018

Autore

Potrebbe piacerti anche

Italia 0 Commenti

Mauro Fara nuovo AD di Italia Alimentari – Gruppo Cremonini

28-04-2016 – Il Consiglio di Amministrazione di Italia Alimentari SpA, società del Gruppo Cremonini specializzata nella produzione, commercializzazione e distribuzione di salumi e snacks, ha nominato il dott. Mauro Fara nuovo

Italia 0 Commenti

Acqua Santa Croce. Pubblicato il bando

03-11-2016 – Sembra aprirsi uno spiraglio per la situazione della Sorgente di Canistro in Abruzzo da dove viene imbottigliata l’Acqua Santa Croce, dopo il tira e molla degli ultimi mesi

Italia 0 Commenti

Comune di Perugia. Il bando per i d.a. è da rifare

31-10-2017 – Tutto da riscrivere il bando di gara indetto dal Comune di Perugia dopo una lunga polemica di cui abbiamo più volte parlato nelle nostre News. La gara, in

0 Commenti

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a Commentare questo post!

Lascia un Commento

Registrati solo gli utenti possono commentare.