IVS Group: i risultati del primo trimestre 2022 in crescita per fatturato e EBITDA

Il Consiglio di Amministrazione di IVS Group S.A. ha approvato il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2022, del quale in sintesi riporta i principali risultati:
• Fatturato consolidato pari a Euro 92,4 milioni (+16,3% rispetto a marzo 2021).
• EBITDA pari a Euro 16,0 milioni.
• EBITDA Adjusted 1 Euro 17,0 milioni, +25,8% sul 2021, con un’incidenza sul fatturato pari al 18,4% (20,9% al netto delle positioning fees).
• Utile netto consolidato pari a Euro 0,02 milioni.
• Utile netto adjusted consolidato pari a Euro 0,8 milioni.
• Indebitamento Finanziario Netto pari a Euro 317,6 milioni, inclusivo di Euro 10 milioni di pagamenti anticipati connessi alla Business Combination con Liomatic e GeSA non ancora consolidate.
• Due acquisizioni realizzate in Italia, per un valore di circa Euro 0,4 milioni.

Il fatturato consolidato del 1° trimestre 2022 ammonta a Euro 92,4 milioni (di cui Euro 81,7 milioni derivanti dall’attività caratteristica del vending), con un aumento del 16,3% rispetto ai Euro 79,5 milioni del 2021 (di cui Euro 70,1 milioni nel vending).
Il fatturato vending è aumentato progressivamente nel corso del 1° trimestre 2022, accelerando sensibilmente da marzo 2022, che da solo ha rappresentato quasi il 40% del fatturato di tutto il periodo. Gennaio e febbraio sono tuttavia stati ancora pesantemente influenzati dall’ondata della variante Omicron del Covid, con le conseguenti alte assenze nei luoghi pubblici e di lavoro. I primi due mesi 2022, seppure superiori ai corrispondenti mesi del 2021 hanno infatti registrato una performance del 15% circa inferiore rispetto alle previsioni. Con l’attenuarsi degli effetti della pandemia, da marzo 2022 gli aumenti sono stati decisamente più alti (+14,4% sui volumi, +23% sul fatturato rispetto a marzo 2021).

Il numero totale di erogazioni nel 1° trimestre 2022 è stato pari a 166,5 milioni, da 153,2 milioni del 1° trimestre 2021 (+8,7%); oltre il 39% dei volumi dell’intero trimestre è stato realizzato a marzo. Anche nella prima parte del 2022 IVS mostra un tasso di acquisizione complessivo di nuovi clienti superiore al churn rate.

Il prezzo medio delle erogazioni del trimestre è salito a Euro 49,09 centesimi, da Euro 45,73 centesimi dell’analogo periodo 2021 (+7,3%).


SITUAZIONE ATTUALE E PREVISIONI PER L’ESERCIZIO


Lo scenario attuale, con alti livelli di inflazione e incertezze per le tensioni internazionali, è certamente meno impattante per la attività di IVS Group rispetto ai precedenti anni di Covid. Le presenze in luoghi come università e scuole e di trasporto pubblico, come stazioni ferroviarie, metropolitane, aeroporti, stanno infatti riprendendo gradualmente la normalità, e con essa aumentano i consumi sui distributori automatici.
L’attività nel settore manifatturiero, che era tornata a fine 2021 ai livelli di consumazioni pre-Covid, è rallentata a gennaio e febbraio 2022 (sempre a causa della pandemia), ma si è già ben ripresa da marzo, con una tendenza di crescita che si conferma sostanzialmente anche in aprile, al netto dei diversi giorni lavorativi legati alle vacanze pasquali, con un impatto positivo anche dalla ripresa di significativi flussi turistici.
L’effetto combinato di più alti prezzi di vendita, della riapertura e ripresa di attività nei luoghi pubblici, moltiplicato per i volumi in aumento delle consumazioni, spinge e da buona visibilità alla generazione di fatturato e cash-flow.
La rafforzata posizione di leadership che il gruppo raggiungerà insieme a Liomatic e GeSA, contribuirà ulteriormente alla crescita ed ottimizzazione dei risultati economici, portando a fattor comune le più efficienti condizioni commerciali e di gestione di ciascun partner della Business Combination.
Una quasi raddoppiata quota di mercato, oltre a rendere il gruppo IVS un referente imprescindibile sul canale del vending, consentirà inoltre di trarre importanti benefici dagli investimenti realizzati nella digitalizzazione e nei rapporti diretti con i consumatori finali, che hanno già raggiunto numeri di grande rilevanza, non solo per il business di IVS, ma anche per quello di altri potenziali partner strategici.
Il 9 maggio 2022 è iniziata l’offerta al mercato di nuove azioni di IVS Group, per un valore di circa Euro 186 milioni, legata al perfezionamento della Business Combination con Liomatic e GeSA. Il reinvestimento in IVS di oltre il 70% del prezzo concordato da parte
dei venditori è un chiaro segno della fiducia degli azionisti di Liomatic e GeSA nelle prospettive dell’operazione.


Il comunicato stampa è consultabile anche sul sito internet aziendale
www.ivsgroup.it o www.ivsgroup.lu/sezione press

5/5 (1)

Lascia una valutazione

Condividi su: