La IV gamma conquista sempre di più gli italiani nel Fuori Casa

23-03-2018 – Un’indagine sulle abitudini alimentari nel Fuori Casa, condotta dall’Università Cattolica di Piacenza su un campione costituito da 600 famiglie, ha rivelato una crescente tendenza degli italiani a consumare frutta e verdura di IV gamma, soprattutto nei luoghi di lavoro.
Oltre che da esigenze salutistiche, il nuovo trend sembra essere “invogliato” soprattutto dalla grande varietà di verdura e frutta pronta al consumo disponibile sugli scaffali della GDO, confezionate in comode porzioni singole e corredate da condimenti e accessori di servizio. Si tratta, chiaramente, di prodotti freschi e pertanto con uno shelf life breve e la necessità di un frigo in cui riporle nel tempo che intercorre tra l’arrivo al posto di lavoro e l’ora di pranzo. In ogni caso, gli italiani disposti ad organizzarsi in questo senso (basta anche una piccola borsa frigo) sono sempre di più: secondo l’indagine il 16% degli intervistati consuma frutta e verdura di IV gamma a pranzo e addirittura il 25% lo fa per cena o per la pausa snack.
A crescere sono soprattutto le grandi marche industriali (+8,2%) ma anche le confezioni a marchio del distributore raccolgono una buona preferenza (+1,3%) e in questo sembra non giocare alcun ruolo il prezzo, del quale la maggior parte dei consumatori della IV gamma non ne ha conoscenza o, magari, lo ricorda vagamente.
Se non è il prezzo, i parametri che guidano le scelte degli amanti di frutta e verdura nel Fuori Casa sono la provenienza e in particolare l’origine italiana della materia prima a cui fa attenzione più della metà del campione; seguono quasi a pari merito i controlli a cui i prodotti vengono sottoposti nel corso del processo produttivo (33%) e l’indicazione della provenienza sulla confezione (31%).
Il Vending è poco propenso verso questo tipo di referenze, a causa soprattutto della breve shelf life e di una rosa di consumatori ancora troppo ristretta, per un canale che ha bisogno di rotazioni veloci e referenze adatte alla massa.
Eppure darne disponibilità sarebbe un segno distintivo importante, pari a quello che si dà inserendo tra le spirali prodotti vegani o del territorio.

IV gamma

IV gamma

Precedente Golia sostiene le Giornate di Primavera del FAI
Il prossimo Toblerone: arriva la versione gelato della famosa barretta al cioccolato

Autore

Potrebbe piacerti anche

Italia 0 Commenti

Expo 2015. Il Cluster del caffè supera il milione di visitatori

04-06-2015 – Grande successo per il Cluster del caffè: al 31 maggio il numero dei visitatori ha superato la soglia del milione, raggiungendo quota 1.043.000! Enorme la soddisfazione del direttore

Italia 0 Commenti

Vicenza inaugura POSsibile nei suoi parcheggi automatici

10-10-2017 – Vicenza è la prima città d’Italia ad implementare nei suoi parcheggi automatici il sistema di pagamento POSsibile, che consente di entrare ed uscire dalle aree di sosta regolamentate

Italia 0 Commenti

Comune di Perugia. Il bando per i d.a. è da rifare

31-10-2017 – Tutto da riscrivere il bando di gara indetto dal Comune di Perugia dopo una lunga polemica di cui abbiamo più volte parlato nelle nostre News. La gara, in

0 Commenti

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a Commentare questo post!

Lascia un Commento

Registrati solo gli utenti possono commentare.