Legittimi i presunti ricavi sulla base degli “8 grammi di caffè”

La Cassazione condanna il titolare di un bar


03-05-2018 – Mentre si discute sulla validità degli Studi di Settore e sulla legittimità del metodo induttivo applicato nel corso delle verifiche fiscali, soprattutto per alcune specifiche attività, una sentenza della Corte di Cassazione del 27 aprile scorso, sancisce la validità di tale metodo nel calcolo dei ricavi dichiarati dal titolare di un bar.
Il calcolo eseguito dai controllori prendeva in considerazione le vendite di caffè e di prodotti contenenti caffè (cappuccino, caffellatte ecc.) dichiarate dall’esercente, ricalcolandone il numero in base all’assunto che per fare un caffè occorrono 8 grammi di prodotto. Per tutti gli altri prodotti venduti dall’esercente veniva calcolato un ricarico del 100%.  I risultati del metodo induttivo, diversi da quanto dichiarato dal contribuente, hanno comportato una sanzione per le vendite che, a parere degli ufficiali, non erano state dichiarate.
Il contribuente aveva allora presentato ricorso ed ottenuta ragione da parte dei giudici del secondo appello, i quali avevano considerato errati i calcoli degli accertatori e discutibile il metodo adottato. L’Agenzia delle Entrate era, quindi, ricorsa in Cassazione, ottenendo accoglimento da parte dei giudici. Secondo questi ultimi, la ricostruzione del reddito in base alla modalità induttiva (art. 39, comma 2 lett. d del Dpr 600/1973) è legittima, quando gli elementi indiziari gravi precisi e concordanti, la confermano. La norma, infatti, prescrive che l’Ufficio procede alla rettifica quando le irregolarità formali delle scritture contabili risultanti dal verbale di ispezione sono così gravi, numerose e ripetute da rendere inattendibili nel loro complesso le scritture stesse. Spetta allora al contribuente dimostrare con documentazione l’inesattezza del calcolo, cosa che l’esercente non aveva fatto.
Per tali ragioni, la Corte di Cassazione aveva accolto il ricorso dell’Agenzia delle Entrate e depositato l’ordinanza.

ricavi

Precedente Caffè Mauro al Cibus con le nuove capsule compatibili
Il prossimo L'Unione Europea vieta l'utilizzo dei neonicotinoidi

Autore

Potrebbe piacerti anche

Norme e Leggi 0 Commenti

Superammortamento 250% o 140%?

15-02-2017 – Giungono in redazione molte e-mail in cui ci vengono chiesti chiarimenti a proposito delle agevolazioni fiscali previste dalla Legge di Bilancio 2017 e relative al superammortamento al 250%

Norme e Leggi 0 Commenti

In G.U. le sanzioni per le violazioni delle corrette informazioni ai consumatori

20-02-2018 – È stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale dell’8 febbraio il Decreto Legislativo 231 del 2017, relativo al Regolamento Europeo 1169/2011 inerente le corrette informazioni ai consumatori sui prodotti alimentari. Il

Norme e Leggi 0 Commenti

In arrivo un credito d’imposta per la formazione 4.0

05-03-2018 – L’articolo 1 (commi 46>56) della Legge di Bilancio 2018 ha introdotto un credito d’imposta per le aziende che investono nella formazione del personale nell’ambito delle tecnologie Industria  4.0, vale

0 Commenti

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a Commentare questo post!

Lascia un Commento

Registrati solo gli utenti possono commentare.